Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Raccolta rifiuti, sindacati Asia Napoli in stato di agitazione: «Discriminazioni su assegnazione servizi»

Giovedì 5 Maggio 2022
Asia Napoli, sindacati in stato di agitazione: «Discriminazioni su assegnazione servizi»

I sindacati Cnal, Fial ambiente e servizi e Usb hanno proclamato lo stato di agitazione del personale dell'Asia Napoli s.p.a. dal 10 maggio prossimo «in quanto - si legge nella nota diramata dai dirigenti sindacali Ronghi e Cioffi, per Cnal, Merolla e Lezzi per Fial, De Vincenzo e Cerullo per Usb - persistono gravi sperequazioni tra i lavoratori di Asia Napoli in ordine ai carichi di lavoro e si continuano a registrare fenomeni discriminatori e vessatori su alcuni distretti in ordine all'assegnazione dei servizi».

«Inoltre - sottolineano i sindacalisti - resta disatteso l'accordo relativo al riconoscimento dell'anzianità conseguita nel periodo di assegnazione temporanea per il conseguimento del parametro A in favore dei lavoratori ex Cub già assunti da Asia Napoli, non sono stati forniti utili elementi relativi agli aggiornamenti delle progettualità finanziabili con il pnrr per la comprensione delle strategie aziendali finalizzate alla condivisione di un nuovo Piano Industriale, che metta in sicurezza i livelli occupazionali e salariali dei Lavoratori di Asia Napoli, ed, infine, da precedenti confronti con Asia, anche disgiuntamente, non è stata esclusa la possibilità di corsie preferenziali nella prossima procedura concorsuale all'esito della stabilizzazione di ulteriori 243 unità».

Video

«Alla luce di tutto ciò - continuano Cnal, Fial e Usb - chiediamo al prefetto di Napoli di voler esperire il tentativo obbligatorio di raffreddamento in favore dei lavoratori di Asia Napoli e, in mancanza di riscontro entro i termini, avvieremo le procedure per la mobilitazione nel rispetto delle vigenti normative in materia e dell'accordo di settore del 1 marzo 2001».

Ultimo aggiornamento: 18:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA