Rosanna Purchia dal Teatro San Carlo
all'assessorato alla Cultura a Torino

Lunedì 25 Ottobre 2021
Rosanna Purchia dal Teatro San Carlo all'assessorato alla Cultura a Torino

Sarà Rosanna Purchia, dal 2009 al 2020 alla guida del Teatro di San Carlo di Napoli in qualità di sovrintendente e fino a oggi commissario straordinario del Teatro Regio, la nuova assessora alla Cultura  della nuova Giunta di Torino. Una squadra «per far ripartire la città nell'interesse dei cittadini, riunire la città che è disgregata e diseguale e farlo con uno spirito rivolto allo sviluppo, al lavoro, con una marcata connotazione di rilevanza nazionale» come spiega il neo sindaco di Torino, Stefano Lo Russo, presentando la nuova giunta comunale che si riunirà per la prima volta giovedì, giorno successivo all' insediamento e proclamazione della nuova amministrazione.

 Ad affiancare Lo Russo come vicesindaco e assessora a Personale, Patrimonio, Appalti e Legalità, Michela Favaro, una dei quattro assessori esterni che compongono l'esecutivo torinese. Sempre assessore esterna, un'altra donna, Gabriella Nardelli, a cui sono state assegnate le deleghe a Bilancio e Partecipate.

E tra le assessore esterne c'è Rosanna Purchia che è stata tra le artefici, per ben undici anni, dal 2009 al 2020, della rinascita e del rilancio del Teatro di San Carlo di Napoli. A dispetto delle poche risorse a disposizione e della latitanza (almeno dal punto di vista economico) del Comune di de Magistris, la Purchia era riuscita a rimettere il San Carlo di Napoli al centro dell'attenzione culturale del Paese. La sua esperienza, che la aveva portata ad ricoprire la carica di commissario straordinario del Teatro Regio, viene riconosciuta tanto che a lei va la delicata delega alla Cultura.

Video

Conclude la rosa degli assessori esterni Paolo Mazzoleni, architetto presidente dell'Ordine degli Architetti di Milano, cui sono state affidate le deleghe a Urbanistica, edilizia privata e grandi infrastrutture Per quanto riguarda gli assessori espressione dei partiti, tre sono quelli assegnati al Pd, partito a cui appartiene anche il sindaco. Due di questi sono donne. Si tratta di Chiara Foglietta, già consigliera comunale nella passata legislatura, dottoressa di ricerca in ingegneria biomedica, che si occuperà di Transizione ecologica e digitale, Innovazione, Mobilità e Trasporti e di Gianna Pentenero, ex assessore regionale, a cui sono state assegnate le deleghe a Lavoro, Attività Produttive, Polizia Municipale e Area Metropolitana. Infine, per il Pd, Mimmo Carretta, segretario metropolitano del partito, per Sport, Grandi eventi, Turismo e Rapporti con il Consiglio Comunale.

In Giunta anche  Paolo Chiavarino, Jacopo Rosatelli, Carlotta Salerno, Francesco Tresso, 

Ultimo aggiornamento: 20:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA