Salvini si prende la Campania: «Alla Regione un nostro candidato per battere De Luca»

di Adolfo Pappalardo

4
  • 2890
Inviato ad Aversa

Più che ai ballottaggi il pensiero vira già sulle prossime Regionali. «Mi sembra evidente che saremo in campo, non vedo l'ora di essere messo alla prova. Dobbiamo liberare la Campania da De Luca che ne ha fatte di cotte e di crude», dice sicuro Matteo Salvini. E aggiunge: «Ma non mi fate fare nomi». È la risposta del segretario della Lega alla domanda diretta di un candidato proprio. Ed è già un fendente alle ambizioni di Forza Italia da parte di chi ha portato la Lega quasi al 20 per cento, facendolo diventare il secondo partito in Campania alle ultime Europee. Dopo, solo dopo, il vicepremier si concentra sulla mission del tour di ieri pomeriggio: sostenere la volata dei due candidati sindaci di Aversa e Casoria.

Due vittorie giudicate a portata di mano il prossimo 9 giugno e che cambierebbero la prospettiva della Lega in questa regione: non più un partito ai margini ma al centro del palco della politica. Scalciando nell'angolo gli alleati di Forza Italia.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 1 Giugno 2019, 08:00 - Ultimo aggiornamento: 01-06-2019 14:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-06-01 14:59:13
ci avete fatto caso? a genova è in arrivo una nave della MM con 100 immigrati a bordo!! porto indicato dal VIMINALE!!! si proprio il ministero dei porti chiusi!!! ma già finita la campagna elettorale ormai è inutile urlare e fare lo sceriffo!!!!
2019-06-01 14:52:53
"padania is not Italy" presenta la felpa della nuova collezione 2019.
2019-06-01 14:51:23
l'uomo campagna elettorale!!!! se facesse qualcosa anzichè fare solo campagna elettorale sarebbe meglio!!!! ma forse è meglio che non faccia niente ci ha già abbastanza rovinato!!!
2019-06-01 09:47:04
Matteo sappi che la Campania ha un precedente significativo rappresentato dalla giunta Caldoro che pur in presenza di un'eredita' bassoliniana DISASTROSA per i conti ( debito sanita' a qualche mld , trasporti piu' di 500 mln ) riusci' a riequilibrare la barra inclinata a 180° dove anche cristine cretu presidente della u.e. per i fondi europei riconobbe gli sforzi e i risultati ottenuti non bloccando le cifre : per tutta risposta il 31 maggio , grazie anche al clima estivo , i campani pensarono bene a disertare le urne mandando Vecienzo alla presidenza con scarsi 1 mln di voti su 5 mln di aventi diritto ; percio' ce lo troviamo presidente

QUICKMAP