Stabilizzazione Lsu, l'appello dei sindacati: «Risorse insufficienti»

«Apprendiamo della pubblicazione da parte della Regione Campania dell’avviso rivolto alle Pubbliche Amministrazioni per la stabilizzazione dei Lavoratori Socialmente Utili e, con dispiacere, prendiamo atto del fatto che le nostre osservazioni di merito,  avanzate nel corso dell’incontro di novembre, non siano state prese in considerazione», affermano in una nota i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Campania.

«Pur apprezzando la scelta di estendere la possibilità di assumere anche agli enti che non hanno Lsu in carico, agli enti strumentali della Regione Campania ed alle Aziende Sanitarie Locali, riteniamo del tutto insufficiente il contributo proposto e la modalità di incentivazione una tantum. Il che rischia, a nostro parere, di vanificare tutto il lavoro fatto in questi anni per arrivare al definitivo svuotamento del bacino Lsu. Siamo preoccupati per un non ottimale ed efficiente utilizzo delle risorse disponibili, con possibili ricadute sul prossimo futuro – proseguono i sindacati – Ci auguriamo che il Presidente della Giunta Regionale, Vincenzo De Luca, e l’Assessore al Lavoro, Sonia Palmeri, vogliano riavviare quanto prima un proficuo confronto con i sindacati confederali e con le amministrazioni locali per individuare insieme le soluzioni più utili a rispondere all’effettivo bisogno del nostro territorio. Occorre una precisa assunzione di responsabilità da parte di tutti, in primis da parte della Regione anche nei confronti dei Lsu  a suo carico”.
Martedì 5 Dicembre 2017, 21:15 - Ultimo aggiornamento: 05-12-2017 21:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP