Il mistero delle Universiadi: mancano 100 giorni ma i napoletani non ne sanno niente

Giovedì 14 Marzo 2019 di Rossella Grasso

Inizia il countdown per il taglio del nastro delle Universiadi che si svolgeranno a Napoli dal 3 al 14 luglio. Ma quanto ne sanno i napoletani della manifestazione sportiva universitaria, che quest'anno festeggia la sua trentesima edizione, che porterà in città migliaia di atleti studenti da tutto il mondo? Molto poco. Basta fare un giro nel centro storico per scoprire che alla parola «Universiadi» sono in tanti a storcere il naso o a impallidire non conoscendo assolutamente il significato della parola. Eppure l'evento si avvicina ed è all'ordine del giorno la polemica sull'organizzazione, se e in che modo si riuscirà a tenere tutto pronto entro il 3 luglio.
 


Qualcuno sa qualcosa in più ma sono notizie vaghe e per sentito dire. C'è chi dice «mi dispiace ma sono fuori dall'università da molto tempo per cu non so nulla» come un signore sulla 50ina. Ma c'è anche la giovane appena uscita dalla seduta di laurea, con tanto di corona dialloro, che dice di non saperne nulla. Qualcun'altro dice di non averne mai sentito parlare nè visto pubblicità affisse sui muri della città o sui social. La pagina Facebook ufficiale delle Universiadi 2019 esiste, ma ha solo 757 follower, un po' poco considerata la portata dell'evento e della sua data imminente.

Dove si svolgerà l'evento, chi parteciperà, quando e perchè a Napoli è materia oscura. Però qualcuno conosce la polemica in atto tra Comune e Regione. Sempre per sentito dire però. «Non si sa se faranno lo stadio Collana o no», dice un signore di circa 70 anni, tra i più informati sui fatti. Ironizza sulla questione sediolini dello stadio San Paolo e conclude: «Chissà se riusciremo a non fare brutta figura».

Ultimo aggiornamento: 15 Marzo, 08:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA