La Whirlpool lascia Napoli: «Noi via ma pronte 10 aziende»

di Francesco Pacifico

4
  • 55
Marc Blitzer, amministratore delegato di Whirlpool Corporation, è stato molto chiaro ieri al telefono con Luigi Di Maio: la multinazionale americana non ha alcuna intenzione di continuare a produrre lavatrici a Napoli. Attività in perdita del 25 per cento soltanto nell'ultimo anno. Ma se il ministero dello Sviluppo non si metterà di traverso, per esempio revocando gli incentivi già concessi, il gruppo favorirà l'insediamento di altri imprenditori - non del settore del bianco - per garantire la continuità operativa a via Argine e i livelli occupazionali. Inoltre Blitzer avrebbe anche comunicato di aver ricevuto una decina di offerte da altrettante aziende per insediarsi nel sito.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 11 Giugno 2019, 07:30 - Ultimo aggiornamento: 11-06-2019 10:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-06-11 17:38:30
Si perde il 25% perchè si produce un quarto e più di quanto è la capacità potenziale dello Stabilimento; un concetto elementare di ripartizione dei costi fissi, meno produci più aumenta il costo unitario. Occorre portare a Napoli le (troppe) lavatrici prodotte in Polonia, come era in passato; questo deve essere il diktat, poi si può discutere di aiuti di Stato , detassazione o di un cuneo fiscale all'altezza del Paese. Napoli può fare qualità e quantità ma ci deve essere chi è CAPACE di vendere. La pubblicità del prodotto e dei marchi è sottozero, i vertici del commerciale e del marketing sono da cambiare, subito!
2019-06-11 09:52:31
Il Di Maio offeso ha già firmato per il ritiro degli incentivi;così la whirpool se ne andrà senza neanche proporre soluzioni.Un grande ministro del sottosviluppo , non c'è che dire.Con tasse alte e attività in perdita come fa un'azienda a restare aperta?Perchè il ministro invece del reddito per non fare nulla non ha abbassato le tasse per creare lavoro?Ma a pagare saranno i lavoratori.
2019-06-11 11:14:32
Forse non hai capito bene quello che è scritto: loro se ne vanno ma faciliteranno l'arrivo di altri speculando sui finanziamenti avuti magari vendendo i macchinari e locali ma tenendosi i soldi
2019-06-11 08:05:11
Inutile tentare di giustificarsi, tante industrie chiudono e si trasferiscono dove i costi sono inferiori, ma sfruttare i soldi ricevuti dal governo italiano per delocalizzare, sembra una presa in giro !

QUICKMAP