I ricordi di Federica Brancaccio:
«Quei buoni benzina
timbrati per 50 lire»

Sabato 15 Settembre 2018 di Maria Chiara Aulisio
I ricordi di Federica Brancaccio: «Quei buoni benzina timbrati per 50 lire»
Federica Brancaccio, prima donna alla guida dei costruttori napoletani, da bambina sognava di fare tutt'altro. Che cosa? Marito, crescere tre o quattro figli, e poi i nipoti, tanti nipoti. Modello Mulino bianco, insomma. Questo era quello che Federica - imprenditrice di razza, seconda di tre sorelle e un fratello, piglio da manager e carattere dominante - avrebbe voluto fare da grande. Invece no. La vita le è andata diversamente. O meglio:...
Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA