Al Quisisana di Capri un incontro
sul tema legalità e rispetto del mare

Giovedì 24 Ottobre 2019 di Mariano Della Corte

Si è tenuto ieri mattina, presso la sala teatro del Grand Hotel Quisisana di Capri, gremita di giovani studenti dell'Istituto C. I.Nievo di Capri, un incontro educativo sui temi della legalità, della risorsa mare e delle buone pratiche per il rispetto dell'ambiente. Il meeting con i giovani studenti dell'isola, guidati dai docenti e dalla dirigente scolastica Sonia Fucito, è stato organizzato dall'Associazione Battiti di Pesca insieme alla Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore.
 

 

Ad intervenire in apertura dei lavori il sindaco di Capri Marino Lembo che ha parlato dell'importanza del rispetto delle norme esistenti per la tutela dell'ambiente, soprattutto in relazione alle nostre magnifiche coste, alle grotte ed al mare, come fatto dal sindaco Vassallo che proprio per la sua battaglia volta alla tutela dell'ambiente, nel rispetto della legalità, è stato barbaramente ucciso, in un attentato di matrice camorristica la sera del 5 settembre del 2010. Ad intervenire di seguito l'assessore all'ambiente di Capri Salvatore Ciuccio che ha ricordato le azioni pioniere del sindaco Vassallo a difesa dell'ambiente, cui ha fatto seguito l'intervento dell'assessore alle politiche giovanili del Comune di Napoli, Alessandra Clemente che ha parlato della battaglia congiunta sulla tutela dell'ambiente che lega in un unico filo tutto il territorio della costiera cilentana, sorrentina, Capri e Napoli.

L'incontro è entrato nel vivo con le parole di Massimo Vassallo, membro della “Fondazione Angelo Vassallo, Sindaco Pescatore”, e fratello dell'eroico sindaco di Pollica, il quale ha ricordato, con episodi di vita personali, la sua azione ambientalista, il suo passato di pescatore e amante della terra e del mare. Massimo Vassallo ha parlato ai ragazzi di Capri delle ordinanze singolari del fratello, le sanzioni fino a mille euro per chi veniva sorpreso a gettare cenere e mozziconi di sigarette a terra e tutta una serie di pratiche virtuose per il rispetto dell'ambiente, fino agli interventi strutturali per la creazione del depuratore ed altre azioni che hanno consentito a Pollica di avere diversi premi per la qualità delle acque.

Tra i vari interventi quello del presidente dell'Associazione Battiti di Pesca, Antonio Scarfone, che ha parlato ai ragazzi dell'importanza della denuncia di atti contro l'ambiente ed il mare, come la pesca dei datteri, un'azione portata avanti dall'associazione di pesca amatoriale insieme alla Capitaneria di Porto. In tal senso molto educativo per i ragazzi è stato l'intervento di Giulio Cammarosano che ha parlato dell'azione di pesca ricreativa portata avanti dall'associazione cilentana e del rilascio del pesce pescato.

Ad intervenire inoltre il vicepresidente dell'associazione Battiti di Pesca, Cristiano Moscovio, promotore dell'iniziativa insieme ad Adalberto Cuomo, general manager del Quisisana, che ha esortato i ragazzi a non aver mai paura di denunciare le azioni contro il nostro mare. A parlare di legalità e dell' importanza di denunciare gli atti criminosi contro l'ambiente anche il segretario regionale di cittadinanza attiva campana, Lorenzo Latella, il giornalista Guido Barendson ed il giornalista-avvocato Alberico Sorrentino.

Tante le associazioni che si occupano di tutela ambientale a Capri presenti all'incontro tra queste: Marevivo, Capriamoci, Capri No Border e i rappresentanti del Forum dei giovani dell'isola. Al termine dell'incontro, i rappresentanti dell'associazione Battiti di Pesca, grazie al sostegno della Marina di Capri, hanno donato ai ragazzi delle scuole isolane 200 borracce in alluminio, simbolo della lotta alla plastica nei mari.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA