Anacapri, a Villa San Michele la mostra: “Axel Munthe e i pellegrini della Bellezza” a cura di Katriona Munthe

Sabato 28 Agosto 2021 di Mariano Della Corte
Anacapri, a Villa San Michele la mostra: “Axel Munthe e i pellegrini della Bellezza” a cura di Katriona Munthe

Inaugura questa sera 28 agosto, alle 18:00, all’interno della rassegna “Il salotto della sfinge”, un festival di incontri sul tema della libertà con l’accento sull’Arte e il mondo LGBT+, la mostra d’arte a cura di Katriona Munthe: “Axel Munthe e i pellegrini della Bellezza”. In esposizione le opere di scrittori e artisti internazionali che s’ispirano ai paesaggi e ai miti del Mediterraneo greco-romano. La mostra sarà ospitata a Villa San Michele, nella meravigliosa dimora del medico e scrittore svedese Axel Munthe, giunto a Capri nel 1876 e lì stabilitosi.

Dedicata a scrittori e fotografi del Nord Europa che tra fine Ottocento e i primi decenni del Novecento hanno soggiornato a lungo in Italia, l’esposizione è organizzata da Katriona Munthe, psicoterapeuta e nipote del medico-scrittore Axel Munthe, con il contributo dell’intellettuale catalano Roberto Fàbregas, direttore della Casa de Cultura Les Bernardes.

Saranno esposti scritti, autografi e inediti, e illustrazioni di personaggi del mondo anglosassone come Norman Lewis, David Herbert Lawrence, Kevin Andrews, Henry Miller, Patrick Leigh Fermor, Lawrence Durrell, nonché le fotografie artistiche del tedesco Wilhelm Von Gloeden, realizzate a Taormina nel 1878. Saranno inoltre presentate le opere di artisti contemporanei come Michele Iodice e Massimiliano Körnmuller, nonché le fotografie del catalano Jordi Mestre i Verges.

Momento clou dell’evento l’esibizione degli attori di Francesco Gori che interpreteranno, insieme al fotografo Jordi Mestre, dei Tableau Vivants (quadri viventi umani).

Scopo della mostra è comprendere come Axel Munthe e altri scrittori e artisti hanno visto la “bellezza” e anche come hanno vissuto l’amore, inebriandosi della fantasia del mondo antico greco e romano.

«Credo che i nostri “Pellegrini della Bellezza” – afferma Katriona Munthe, curatrice della mostra - inseguono quello spirito pagano che riconosce le forze invisibili che muovono la vita. Comunicano con noi, stabiliscono una connessione emotiva, intellettiva e spirituale. Sono entità divine che ci parlano in un’atmosfera dove si respira la loro presenza».

Nel magnifico giardino di Villa San Michele appaiono, tra fiori e foglie, figure stilizzate che sottolineano e mostrano i loro elementi di divinazione in attesa che la natura faccia il suo percorso e le abbracci lentamente donando loro una nuova forma e una identità completa.

«Ho realizzato otto erme in ferro ispirandomi agli inni orfici scelti dalla curatrice Katriona Munthe - afferma l’artista Michele Iodice - e la tecnica usata per realizzare queste sculture consiste in strutture di ferro piegate e modellate quasi “graficamente”, inserendo tra le stesse elementi come il caduceo, le foglie, i melograni e la falce».

«La domanda di fondo che ci siamo posti - sottolinea la soprintendente di Villa San Michele, Kristina Kappelin - è cosa sarebbero stati l’arte, la musica, la letteratura, il teatro, il cinema e la cultura in senso lato, senza il contributo dell’identità omosessuale. L’idea è quella di rendere omaggio ai vari personaggi ”limitless” e di avanguardia, sia per il loro stile di vita, sia per le loro aperture mentali, che hanno fatto la storia di Capri, come le sorelle Wolcott-Perry, Jacques d’Adelswärd Fersen, l’incredibile Marchesa Luisa Casati Stampa e Axel Munthe, che, nella sua Villa, accolse Oscar Wilde quando fu allontanato dall’hotel Quisisana perché in compagnia del suo amante Alfred Douglas detto Bosie».

La mostra, che vede il supporto della Fondazione Munthe, che mette a disposizione la splendida location di Villa San Michele, è patrocinata dal Consolato di Svezia con la guida di Kristina Kappelin, dalla Regione Campania, della Città di Capri, del Comune di Anacapri, della Siae, dell’Ambasciata di Svezia, del Copenhagen 2021 WorldPride & EuroGames in collaborazione con Capri Palace Jumeirah e Staiano Tour Capri. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA