Archeologie borboniche in Campania, il convegno a Capri nel weekend

Mercoledì 9 Ottobre 2019 di Mariano Della Corte
Si aprirà oggi pomeriggio alle 16.00 nel complesso monumentale dei Girolamini di Napoli il convegno dal titolo: Archeologie borboniche, la ricerca sull’antico a Capri e nelle province di a Napoli e a Terra di Lavoro. Alla conferenza stampa seguirà una introduzione sulla Capri borbonica e una visita alla Biblioteca dei Girolamini a partire dalle 16.30.

Il convegno internazionale si propone come momento di incontro per restituire visibilità a esplorazioni archeologiche, scavi, documenti e personaggi meno noti della cultura antiquaria campana sette-ottocentesca. Le relazioni scientifiche permetteranno di mettere a confronto tre situazioni geografiche della Campania borbonica: l’isola di Capri, le cui antichità furono al centro di una rivisitazione ‘in chiave mitica’ legata alla memoria dell’imperatore Tiberio; Napoli e i Campi Flegrei, che andavano svelando imponenti vestigia dell’antico ad archeologi di professione e viaggiatori; Caserta e la Terra di Lavoro, che restituivano i resti delle ricche città della Campania interna e del basso Lazio.

Venerdì 11 ottobre le attività si sposteranno a Capri presso il Centro Polifunzionale Internazionale. La prima sessione del convegno, dalle 10.30, sarà dedicata all’isola di Capri; la sessione pomeridiana, dalle 14.40, riguarderà invece Napoli e la sua provincia, con specifico riferimento ai Campi Flegrei.
Il giorno 12 ottobre ci si sposterà ad Anacapri presso il Centro Multimediale Mario Cacace, dove si terrà la sessione dedicata a Napoli, con interventi sulla città e su Sorrento; in seguito si svolgerà l’ultima sessione del convegno, dedicata a Caserta e alla provincia di Terra di Lavoro. 

Il convegno Archeologie borboniche è promosso e organizzato dall’Associazione culturale Apragopolis Isola di Capri, con la direzione scientifica della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Napoli e in collaborazione con il CNR-ITABC. Esso è patrocinato dai comuni di Capri e Anacapri, vanta poi il partenariato scientifico del Polo Museale della Campania, del Centre Jean Bérard di Napoli e del Centro interdipartimentale di ricerca per i Beni Architettonici e ambientali e per la Progettazione Urbana dell’Università Federico II di Napoli e del Centro documentale dell’Isola di Capri. 

Il convegno si avvale inoltre della collaborazione degli allievi dell'Istituto Alberghiero Axel Munthe e della sponsorizzazione del Porto Turistico di Capri, di Federalberghi Capri e altri sponsor tecnici.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA