Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, eccola la nuova digital radio AudioLive FM

Venerdì 27 Maggio 2022
Napoli, eccola la nuova digital radio AudioLive FM

Nella nuova Tisaneria Bistrot del Museo e Real Bosco di Capodimonte, con l’intervento del direttore Sylvain Bellenger e del responsabile di Invitalia per la misura «Cultura Crea» dottor Vittorio Fresa, è stata presentata la nuova digital radio AudioLive Fm.

Nella splendida cornice della Stufa dei Fiori, alla presenza della stampa e delle istituzioni, nel contesto di quello che la direttrice artistica Rosanna Astengo ha definito un piacevole déjeuner sur l'herbe il direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte ha aperto la presentazione del nuovo progetto dell’agenzia napoletana Livenet Srl, la digital radio AudioLive Fm – musica e cultura. «La radio la ascolto ogni giorno: informazione e musica per iniziare la mia giornata. AudioLive Fm ha la dimensione della mia radio preferita, France Culture, parlare di cultura con la voce per me è fondamentale, non conosco un mezzo di comunicazione più flessibile, immaginativo e discreto della radio».

Il direttore responsabile del magazine Live Performing & Arts (di cui AudioLive FM è la voce) Stefano Valanzuolo ha affermato che parlare di cultura in radio, raccontare l’arte è motivante, perché la parola è un mezzo potentissimo e se usata bene può arrivare ovunque. Grande l’emozione e grande soddisfazione per Rosanna Astengo che ha ideato il progetto con il socio ed editore Valerio Granato. AudioLive FM nasce dal progetto «Radio Capodimonte» che è stato il primo progetto in Europa di comunicazione radiofonica per i beni culturali. «Vogliamo raccontare dare l’opportunità ai nostri ascoltatori di fare una nuova esperienza d’ascolto invitando tutti gli attrattori culturali ad aiutarci a creare il primo network culturale radiofonico».

Queste le parole della direttrice artistica; l’editore ha ribadito la necessità di collaborazioni sia con le istituzioni che con partner commerciali per consentire alla neonata digital radio di diventare un polo di attrazione e promozione delle eccellenze culturali italiane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA