Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Campania Teatro Festival, ecco i nuovi appuntamenti della rassegna

Martedì 5 Luglio 2022
Campania Teatro Festival, ecco i nuovi appuntamenti della rassegna

Tre debutti nella ventiseiesima giornata della quindicesima edizione del Campania Teatro Festival, diretta da Ruggero Cappuccio, realizzata con il forte sostegno della Regione Campania e organizzata dalla Fondazione Campania dei Festival, presieduta da Alessandro Barbano. Per la sezione Internazionale, prima assoluta al Teatro Politeama alle ore 21 per Palmyre, Les Bourreaux, scritto e diretto da Ramzi Choukair, che torna al Campania Teatro Festival con l’ultima parte di una trilogia basata sulle testimonianze di ex prigionieri del regime siriano.

Protagonisti saranno Riad Avlar, Fadwa Mahmoud, Jamal Chkair, Samar Kokash e Saleh Katbeh. In questo spettacolo, prodotto da Kawaliss/Cie, il carcere rappresenta l’emblema di un sistema governato sulla paura. I sopravvissuti alla prigione, in scena, si interrogano sulla relazione con i loro torturatori per interrogare le nozioni di perdono e giustizia. Prima assoluta per la sezione di Prosa Nazionale con The Sound Inside, nel Cortile della Reggia di Capodimonte alle ore 21.00 (in replica il giorno successivo). Lo spettacolo, di Adam Rapp, vede la regia di Serena Sinigaglia. Marina Sorrenti e Alessio Zirulia saranno i protagonisti, in scena, di un viaggio attraverso la morte e la rinascita, un viaggio di salvezza dentro al mistero della vita. Il paesaggio è un quadro sospeso, un luogo astratto: un parco cittadino nel cuore della notte completamente ricoperto di neve. Bella, una professoressa di scrittura, e Christopher, un suo studente, condividono la passione per letteratura. Li unisce un filo misterioso: la loro relazione sfiora quella amorosa per poi toccare quella filiale fino a diventare quasi fraterna.

Una produzione di Centro d’arte contemporanea Teatro Carcano e Fondazione Campania dei Festival. Nella stessa serata, debutta anche Fame (Sult) Cinque atti di una tragedia a Capodimonte, nel Giardino Paesaggistico di Porta Miano alle ore 21.00 (in replica il giorno successivo). Regia e drammaturgia sono a cura di Alberto Mele e Marco Montecatino. In scena Paolo Faroni, Fabiana Fazio e Biagio Musella. La vicenda vede protagonista una coppia di sposi, Bardo e Nora. In un piccolo paesino della Norvegia, Bardo incontrerà Loki, il Dio dell’inganno, che compirà su di lui uno strano sortilegio dalle inaspettate conseguenze. Prodotto da Associazione Culturale L’isola di Ted. La sezione SportOpera, a cura di Claudio Di Palma e Vesuvioteatro, prosegue con Post-Ludi, nelle Praterie del Gigante di Capodimonte alle ore 22.30. Con Andrea De Goyzueta, Alfonso Postiglione, Andrea Renzi e con Patrizio Oliva, Manuela Di Centa e Irma Testa. Il duello verrà declinato in diverse accezioni nelle storie che si susseguiranno: quello amoroso e triste fra Giacinto e Apollo, quello d’arte sportiva nell’alternanza misurata dalla rima e la spada di Cyrano o, ancora, quello avvelenato dal potere, inconsapevole presagio shakespeariano, che volge in morte l’atletica abilità d’Amleto.

Per la sezione Cinema, a cura di Roberto D’Avascio per Arci Movie, è in programma Psycho di Alfred Hitchcock. La proiezione, che si terrà presso il Giardino dei Principi di Capodimonte alle ore 22, sarà preceduta, alle ore 21, da Lampi sulla scena – due lezioni di storia del Teatro – La scena Elisabettiana da William Shakespeare a John Ford. Parteciperà anche l’attrice Maria Teresa Panariello. Proseguono le attività diurne del Campania Teatro Festival. Nuova lezione di Yogacanto® alle ore 17 presso il Teatrino del Belvedere/Pagliarone di Capodimonte (per un massimo di 20 partecipanti). Il progetto di Roberta Rossi indaga le potenzialità artistiche della voce attraverso un percorso guidato dalla simbologia del Kundalini Yoga, con un lavoro profondo sui centri di energia (Chakra) e sulla loro influenza nell’agire vocale. Particolare attenzione sarà rivolta all’equilibrio tra Corpo, Emozione, Tecnica ed Espressività.

Ultimo aggiornamento: 11:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA