Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Comizi di donne” nella chiesa del Purgatorio ad Arco

Martedì 5 Luglio 2022 di Alessandra Farro
“Comizi di donne” nella chiesa del Purgatorio ad Arco

Le voci delle donne nei quartieri di Napoli, da Scampia a Forcella, le loro vite, le loro storie, un universo a lungo ignorato: “Comizi di donne” è un film di oltre tre ore prodotto e curato da Maria Teresa Annarumma ispirato ai “Comizi d’Amore” di Pasolini, che racconta la quotidianità e la diseguaglianza della condizione femminile a Napoli e, attraverso loro, della condizione femminile nel mondo, riflettendo su come una rivoluzione della città possa partire dall’ascolto delle donne, la videoinstallazione resterà al Complesso Monumentale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco fino al 10 settembre, a ingresso libero.

Interamente finanziata dell’Opera Pia Purgatorio ad Arco onlus, con la collaborazione di Progetto Museo, la videoinstallazione fa parte di un ampio progetto che da dicembre sta indagando l’universo femminile a Napoli attraverso convegni, reading e concerti e la videoinstallazione sonora del musicista Marco Messina dei 99 Posse, che, alla sua prima opera di questo tipo, ha rappresentato come una call per una nuova repubblica napoletana attraverso ritmi e musiche racconta la storia e la tradizione alle donne di Napoli che oggi vogliono farsi sentire.

«Questa non è la Napoli dei soliti stereotipi. Guardando la storia di Napoli e della Mensa dei Bambini Proletari, è un racconto creato dal quotidiano.  Le voci delle donne di Comizi di Donne non sono voci di persone ai margini, ma voci appassionate e coraggiose che affermano la loro presenza, fin troppo ignorata nel mondo. È un film che ambisce alle possibilità rivoluzionare che l’arte può creare, quando, nel suo realizzarsi, sceglie noi come protagonisti. E nel facendo ciò, si propone anche una rivoluzionaria lettura della storia di Napoli e delle sue donne», racconta la curatrice.

Suddiviso in 7 capitoli: Padri, Madri, Sentimenti e Famiglia, Rabbia-Lavoro-Società, Essere Forti, Donne e Futuro, nel ricordo di Lucia Mastrodomenico (nota femminista napoletana), il film ci trasporta nel quotidiano e nella storia di 22 donne e nel loro modo di vedere il mondo ed affrontare quelle che per molti sono sfide normali, ma che nel vissuto determinano le scelte dei singoli e quindi della presenza femminile nella società.

"Comizi di Donne" vuole essere un appuntamento con un gruppo di donne, un'esperienza di vicinanza ed empatia: si può scegliere di guardarlo tutto o solo una parte perché, quello che conta è il desiderio di incontro e di dare tempo di una diversa consapevolezza verso la storia nascosta delle donne che si mostrerà allo stesso tempo familiare e lontana.

Il progetto “Comizi di donne” è fortemente voluto dal presidente dell’Opera Pia Purgatorio ad Arco onlus Giuseppe D’Acunto per la sua volontà di attualizzare la missione al femminile del secolare ente di beneficienza. L’iniziativa, in concomitanza con il centenario dalla nascita di Pier Pasolini, ha contribuito a creare una rete tra l’Opera Pia Purgatorio ad Arco onlus con il Conservatorio di San Pietro a Majella e in partenariato Accademia di Belle Arti di Napoli, l’associazione “Amici di Carlo Fulvio Velardi” onlus, l’associazione “Madrigale per Lucia” onlus e l’associazione sportiva “Champion Center la Scampia che Vince”.

Il programma si completa con un’assemblea sulle tematiche femminili il 5 luglio alle 19 con Maria Teresa Annarumma, Stefania Tarantino, docente di Storia della filosofia contemporanea presso l'Università degli studi di Salerno, e Cinzia Mastrodomenico, membro dell’Associazione Madrigale per Lucia onlus e membro fondatore della Mensa dei Bambini Proletari.

Ultimo aggiornamento: 20:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA