Da Corto Maltese a Gipi, Comicon Off invade Napoli

di Rossella Grasso

La XXI edizione del Comicon, a Napoli dal 25 al 28 aprile alla Mostra d'Oltremare, si arricchisce di tantissimi eventi e mostre «fuori salone». Una kermesse per gli appassionati del fumetto che non si limita ai giorni e ai luoghi della grande fiera ma si espand a tutta la città con iniziative da aprile fino a settembre. In programma, mostre, incontri ed eventi per raccontare tutto il meglio del colorato mondo dei comix. «Per questa nuova edizione stiamo abbiamo cercato di seguire i cambiamenti che ci sono nel mondo dell'intrattenimento, della cultura e dell'editoria - ha detto Claudio Curcio, Direttore Generale del Comicon - restando fedeli a noi stessi. Abbiamo in programma tantissime attività in collaborazione con gli istituti di cultura più prestigiosi di Napoli come il Mann, il Goethe Institut, l'Institut Francais, e l'Istituto Cervantes».
 

Quattro le mostre previste. Al Goethe Institut dall'8 aprile al 6 luglio ci sarà «Redrawing Stories from the past», Lina Itagaki, lituana, Emile Josso, francese, Alice Socal, italiana e Julia Kluge, tedesca, racconteranno storie di fuga e migrazionecome risultato del nazionalsocialismo. Dal 26 aprile al 3 maggio invece all'institut Francais ci sarà la prima retrospettiva in italia dedicata a Serge Clerc, figura di punta dello «stile atomico». L'istituto Cervantes invece sarà la sede della mostra dedicata all'argentino Jorge Gonzalez. Molto attesa è la mostra al Mann, dal 25 aprile all'8 settembre, dedicata a Hugo Pratt, il papà di Corto Maltese. La mostra sarà allestita nella sezione dedicata agli scavi del porto di Neapolis e presenterà un vasto percorso tematico intorno a Corto Maltese, uno dei personaggi che hanno fatto la storia del fumetto. Si tratta della prima riflessione sul tema del mare che il Mann approfondirà con la mostra Thalassa, in programma da fine settembre. Poi ci sono le altre mostre tra cui quella dedicata a Riccardo Marassi, dal 13 marzo nella sede dell'Ordine dei Giornalisti della Campania e il Metro Art Tour  con Corto Maltese da aprile nelle stazioni Toledo e Museo.

Da non perdere è l'incontro con Gipi, magister dell'edizione 2019 del Comicon, il 24 aprile alle 11.30 all'Accademia di Belle Arti. Altra novità del Comicon 2019 è il manifesto, affidato a un posterartist internazionale, Francesco Francavilla, campano di nascita e americano di adozione che ha rappresentato una donna su uno scooter ultramoderno che sfreccia con alle spalle il golfo di Napoli. È il simbolo del Comicon che di anno in anno mira a sfrecciare sempre più in alto.
Mercoledì 13 Marzo 2019, 15:17 - Ultimo aggiornamento: 13-03-2019 15:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP