Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Fratelli di sangue», Nando Vitali presenta il libro a Napoli

Martedì 14 Giugno 2022 di Emanuela Sorrentino
«Fratelli di sangue», Nando Vitali presenta il libro a Napoli

The Spark Creative Hub ospita, martedì 21 giugno alle ore 18, la presentazione del romanzo “Fratelli di sangue” di Nando Vitali, ripubblicato da Readaction editrice Roma. Il romanzo sulle foibe con protagonista il Capitano Goretti, il quale si trova a contendere ai partigiani di Tito un ponte sul confine fra Trieste e la Jugoslavia durante la Seconda guerra mondiale, torna in libreria. Alla presentazione, insieme all’autore, interverranno: Titti Marrone, Davide D’Urso e Athos Zontini.

«Fratelli di sangue fu pubblicato nel 2011 da Gaffi ed. con il titolo I morti non serbano rancore. Il tema è quello delle foibe. Un romanzo avventuroso che nasce da un breve racconto famigliare. Ripubblicarlo è gettare luce in fondo al pozzo e fare della memoria strumento di conoscenza. Etica dello sguardo per non dimenticare che il male è anche dentro di noi, nessuno se ne può dire al riparo. Ci sono lettere morte che vogliono essere lette», ha dichiarato Nando Vitali.

Il momento storico nel quale viviamo, caratterizzato dalla guerra che si combatte in Ucraina, impone una riflessione alla quale l’autore non si sottrae: «Le troppe guerre che funestano il mondo sono frutto di confini stabiliti con accordi, compromessi o violenza. L'uomo però necessita di una patria nella quale incarnarsi. Nel caso dell'Ucraina il diritto a difenderli questi confini è sacrosanto. Come contrattaccare, ma senza diventare a sua volta invasore. Educarsi alla pace vuol dire leggere Primo Levi, per esempio, guardare Chaplin “Il grande dittatore”, sperando che il male si muti in bene. L'epica con le guerre di oggi, dove prevale la tecnologia, non è più possibile. Omero è lontano, lontani sono gli eroi. Il vero gesto rivoluzionario è l'abbandono delle armi», ha commentato Nando Vitali.

Nando Vitali è scrittore, editor, docente di scrittura e lettura creativa.

Ultimo aggiornamento: 21:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche