Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gennaro Alvano vince il premio «Amerigo delle Quattro Libertà»

Mercoledì 29 Giugno 2022
Gennaro Alvano vince il premio «Amerigo delle Quattro Libertà»

E' lo scrittore napoletano Gennaro Avano il vincitore della settima edizione del premio letterario nazionale «Amerigo delle Quattro Libertà» per la sezione «Libertà di religione», tenutosi a Roma presso il Circolo del Ministero degli Affari Esteri, con il volume «Una capanna nell'Italia greca», edito da Guida.

Il concorso ha premiato quattro libri abbinati alle Libertà di Opinione, di Religione dal Bisogno e dalla Paura, citate dal presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Roosevelt nel suo discorso sullo stato dell’Unione del 6 gennaio 1941, da allora noto come il Discorso delle Quattro Libertà. Questa la motivazione della giuria: «Nel rappresentare la parabola storica dell’ebraismo meridionale l’autore ci ricorda il valore della libertà di espressione della fede che, nel suo esercizio, ha prodotto quel contributo incommensurabile che riconosciamo oggi in molti aspetti della cultura meridiana. Il medesimo valore che, poi negato, costituisce l’inaridimento di un territorio che fu approdo di tutte le sensibilità religiose che, coralmente, hanno dato un contribuito alla costituzione di un’etica occidentale. Attraverso il dipanarsi della trama, che è storica e scientifica, l’Autore restituisce, con ricchezza di dettaglio e rara sensibilità, l’elemento della fede e la verità perentoria che la libertà religiosa è un diritto umano fondamentale».

I vincitori delle altre sezioni del Premio sono: «Twenty», di Francesco Semprini (Libertà di opinione); Renzo Rossi, con «Prete» (Libertà del Bisogno); e Vincenzo Paglia, «Letà da inventare» (Libertà dalla paura).

© RIPRODUZIONE RISERVATA