Giovani e camorra, Esposito La Rossa presenta il suo ultimo libro a Ponticelli

Sabato 19 Giugno 2021 di Alessandro Bottone
Giovani e camorra, Esposito La Rossa presenta il suo ultimo libro a Ponticelli

Prima presentazione per 'Lucignolo. Storia di un bambino diventato burattino', l'ultimo libro di Rosario Esposito La Rossa, il libraio della «Scugnizzeria» tra Scampia e Melito. L'iniziativa si è svolta nella biblioteca comunale 'Grazia Deledda' di Ponticelli, nella zona orientale di Napoli.

Video

Il testo, edito da Einaudi Ragazzi, con le illustrazioni di Vincenzo Del Vecchio, racconta la storia di un bambino che subisce le vicende del padre rinchiuso in un carcere di massima sicurezza a 700 chilometri da casa: è un ergastolano, un 41bis. Un giovane che si sente come Lucignolo: è una storia vera, quella di un bambino diventato burattino che ha per coscienza un pidocchio e non ha un Geppetto che lo cerca e che si prende cura di lui. In questo racconto non ci sono fate turchine o bacchette magiche ma un bambino che festeggia i compleanni da solo. Vicende che hanno come sfondo la periferia di Napoli che assomiglia a quelle di tante altre grandi città nel Mondo dove si vivono vicende drammatiche.

«E’ un volume nato dopo una esperienza che ho fatto con un ragazzino di Scampia che aveva il papà in carcere: ho conosciuto la sua storia e l’ho teletrasportata nel mondo di Collodi. Parla dei Lucignolo, la parte negativa di una storia di cui nessuno se ne importa» evidenzia Rosario Esposito La Rossa raccontando il libro le cui illustrazioni sono state curate da Vincenzo Del Vecchio: «Finalista del Premio Andersen, un grandissimo illustratore, è nato un connubio tra di noi. Questo è un libro che ha due livelli di narrazione: uno di scrittura, l’altro visivo» spiega Esposito La Rossa. «La fusione tra fiaba e realtà prova a raccontare in poche parole un universo così complicato come quello dei figli di criminali che pagano le colpe dei padri. Mi piaceva raccontare questo universo che è pieno di pregiudizi».

Lo scrittore, nel corso dell’evento, ha illustrato l’esperienza alla «Scugnizzeria» tra Scampia e Melito, nell’area a nord di Napoli, uno spazio in cui i giovani possono trovare accoglienza in tutta una serie di attività: letture, cinema, teatro. Esposito La Rossa ha parlato anche delle prossime sfide come editore della Marotta&Cafiero, una giovane casa editrice «made in Scampia» che lavora su libri completamente ecologici grazie a carta riciclata, inchiostri non inquinanti e colle senza plastificanti. La realtà è dedicata al cugino Antonio Landieri, vittima innocente di camorra, ragazzo disabile di 25 anni ucciso per errore a Scampia durante una faida tra clan.

L’iniziativa è stata realizzata dalla cooperativa sociale Sepofà nell’ambito di «SocializziAmo in Biblioteca», progetto sostenuto dal Ministero per i beni e le attività culturali, con capofila il Comune di Napoli insieme alle associazioni Noi@Europe e Terra di Confine e, appunto, alla cooperativa Sepofà. La presentazione di Lucignolo è il primo evento avvenuto in presenza dopo le restrizioni per l’emergenza covid, come spiega Deborah Divertito della Sepofà che insiste sulla finalità delle attività realizzate e da realizzare: quello di rianimare la biblioteca di Ponticelli e fare del progetto, ormai al termine, un modello da esportare per donare luce a tanti beni pubblici abbandonati e da rigenerare grazie alla partecipazione dei residenti.

 

Ultimo aggiornamento: 15:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA