Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Libbra: a Napoli arriva il festival delle librerie indipendenti in relazione

Martedì 5 Aprile 2022
Libbra: a Napoli arriva il festival delle librerie indipendenti in relazione

La rete LIRe / Librerie indipendenti in relazione, nata nel 2019 da quattro librerie indipendenti del centro storico di Napoli (Dante & Descartes, Librido, Perditempo, Tamu), lancia tre eventi di avvicinamento alla prima edizione del festival Libbra, che si terrà il fine settimana del 6-7-8 maggio negli spazi delle Scalze e dello Scugnizzo liberato, sulla salita Pontecorvo a Montesanto.

Libbra è l’esito di più di due anni di un percorso di mutualismo che, fin dall’inizio della pandemia, ha visto la rete coinvolta nell’organizzazione di passeggiate letterarie, incontri con autori e autrici, presentazioni di libri nelle piazze non solo come tentativi di continuare a fare cultura (pur nella tutela dal contagio), ma anche di portare nello spazio pubblico le relazioni che avvenivano in libreria, di creare occasioni di incontro a partire dai libri in un centro storico dove la possibilità di relazione sembra essere veicolata quasi unicamente dal consumo, come ribadito più volte durante le proteste iniziate a settembre contro l’aumento del costo di occupazione del suolo pubblico, che hanno reso ancora più evidente il problema del ruolo della cultura in città.

Il festival avrà, ovviamente, i libri come focus principale, ed è il primo evento di questo genere a essere promosso e animato dalle librerie indipendenti (e non dal mondo delle case editrici).

Ecco qualche assaggio del programma: i tre giorni di presentazioni, musica e laboratori vedranno alternarsi nella suggestiva location della chiesa delle Scalze figure di punta della scena letteraria nazionale (Veronica Raimo, Claudia Durastanti e Giulia Caminito), momenti dedicati al linguaggio del fumetto (con l’acclamata Zuzu) e alla più alta letteratura napoletana (con un incontro su Fabrizia Ramondino), e tanti appuntamenti dedicati al mondo del libro e alle sue professioni (grazie alla presenza dell’editore di E/O Sandro Ferri, al collettivo di lavoratori dell’editoria Redacta, ai workshop di grafica editoriale, pop-up e serigrafia); infine non mancherà un’ampia attenzione per bambine e bambini, con incontri e laboratori a loro dedicati. Lo spazio delle Scalze sarà aperto dal venerdì pomeriggio alla domenica sera per permettere a visitatori e visitatrici di partecipare agli eventi e allo stesso tempo di curiosare nell’ampia esposizione di libri che sarà presente nella grande navata. Sui banchi ci sarà il catalogo riunito delle quattro librerie di LIRe, che raccoglie il meglio dell’editoria indipendente per adulti e bambini.

Agli eventi a tema librario si affiancheranno performance di spoken poetry (con il progetto Mezzopalco, da Bologna) ed eventi musicali che avranno luogo negli spazi dello Scugnizzo liberato, a breve distanza dalle Scalze.

In vista del festival, LIRe propone tre presentazioni/eventi di avvicinamento a sostegno dell’iniziativa: domenica 10 aprile h. 10.30 a largo Banchi Nuovi - La fontana rotta di Thomas Belmonte, letture e passeggiata con Marcello Anselmo (Radio 3), giovedì 21 aprile h. 19 a Le Scalze - La grande Zelda di Pier Luigi Razzano con l’autore, Fuani Marino e Alessio Forgione. A seguire, h. 21, performance musicale di Antonino Anastasia (percussioni), Peppe Frana (oud), Alfredo Pumilla (violino) e Alessandro De Carolis (flauti), giovedì 28 aprile h. 18 in piazza del Gesù - Le fragili alleanze di Luca Rossomando, con l’autore

© RIPRODUZIONE RISERVATA