Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Libere di vivere”, il docufilm coraggioso sulla violenza di genere

Giovedì 30 Giugno 2022 di Alessandra Farro
“Libere di vivere”, il docufilm coraggioso sulla violenza di genere

Diffondere la conoscenza della violenza economica di genere e le sue conseguenze devastanti: “Libere di… Vivere” è il docufilm scritto e diretto da Antonio Silvestre e prodotto da Mario Tani per MAC film, da un’idea di Claudia Segre, presidente della Global Thinking Foundation, che per primo affronta questo fenomeno esteso, sottile e ancora poco noto, attraverso testimonianze reali di donne vittime di questo tipo di abusi, intervallate da immagini di finzione, interpretate da Stefania Pascali e Giulia Cappelletti, con la fotografia di Nicola Saraval, il montaggio di Daniele Tullio e le musiche del maestro Matteo Sartini. A fare da metafora alla narrazione c’è il tango, con le coreografie di Laura Borromeo, con Tabata Caldironi e Julio Alvarez, e sulle note della Hyperion Ensemble.

Il film ruota intorno alla vita di Stella, che dopo il matrimonio e la nascita della prima figlia, si vede costretta a lasciare il lavoro. Col passare degli anni l’idillio familiare si trasforma in un inferno: il marito le fa pesare ogni giorno di essere l’unica fonte di sostentamento economico, ma Stella saprà trovare la forza di cambiare quello che pare un destino già tracciato, lanciando un messaggio di speranza e rinascita.

Alla storia di finzione di Stella si intrecciano quattro storie vere di donne vittime di violenza economica, psicologica, fisica, e che hanno, pur con esiti di diversa gravità, come comune denominatore e primo grilletto scatenante della spirale della violenza, la sopraffazione economica.

Un’opera corale, alla quale hanno preso parte anche le donne che ogni giorno lavorano in Global Thinking Foundation, portando la testimonianza di chi vive queste tematiche nella propria quotidianità professionale, e che vuole anche riassumere agli occhi del pubblico tre intensi anni dell’omonima mostra.

“Libere di… Vivere” trae origine dalla mostra-rassegna del fumetto e dell’arte disegnata itinerante, che in tre anni ha coinvolto più di 5.000 visitatori in 35 tappe, ed oltre 75.000 partecipanti digitali, ed è stato proiettato in anteprima al Love Film Festival di Perugia il 24 giugno.

Ultimo aggiornamento: 1 Luglio, 12:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA