Mann e Madre, l'arte illumina
​il centro storico di Napoli

Lunedì 4 Gennaio 2021

Con la firma di un protocollo d'intesa, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e la Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee/Museo Madre, due istituti impegnati in attività di valorizzazione internazionale e fortemente presenti nel proprio territorio, danno vita ad progetto comune che, nel 2021, avrà come tema il Mediterraneo. Per annunciare la collaborazione triennale, che sarà presentata alla riapertura dei Musei, MANN e Madre salutano il nuovo anno con una proiezione simbolica ed augurale su entrambi portoni di ingresso.

Le immagini scelte sono quelle di alcuni capolavori dell'archeologia custoditi al MANN (dal Toro Farnese alla Venere Callipigia, dalla Battaglia di Isso alla Flora, dalla Megalografia di Boscoreale al Cavallo Mazzocchi, per citarne solo alcuni), in suggestivo dialogo con alcune delle opere che, ospitate nel Museo regionale di via Settembrini, sono firmate da protagonisti dell'arte contemporanea (da Mimmo Paladino a Francesco Clemente, da Daniel Buren a Rebecca Horn, da Mathilde Rosier e Marisa Albanese a Jannis Kounellis).

In un gioco di movimento e dissolvenze, le proiezioni in loop partite la sera del 30 dicembre proseguono ogni giorno (fino al 10 gennaio), dalle 18 fino alle ore 22, e sono accompagnate da una campagna social sulle piattaforme digitali dei due Musei: per contraddistinguere la condivisione di contenuti, scelto il logo comune 'Mann/Madre/2021/per l'arte'. Il progetto aderisce alla campagna di comunicazione digitale lanciata dal
MiBACT “L’Italia rinasce con un fiore” e l’hashtag #VaccineDay.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA