Mann, il mosaico di Alessandro si racconta con un avatar

Giovedì 24 Giugno 2021
Mann, il mosaico di Alessandro si racconta con un avatar

Il Gran Mosaico si racconta con la tecnologia: mentre è in corso al Museo Archeologico Nazionale di Napoli il restauro del capolavoro che rappresenta la battaglia di Isso, è l'avatar di Alessandro Magno a parlare ai visitatori. L'installazione, sistema multicanale in 3D con contenti aumentati ed uso del videomapping, realizzata da Protom, si chiama «Il Gran Mosaico», e rientra nel progetto «Il Museo accessibile».

Con il racconto della battaglia scritto dal direttore del MANN Paolo Giulierini, l'ologramma è inserito in una cornice olografica digitale, il sistema light-field è in grado di offrire un ampio raggio di percezione della stereoscopia senza bisogno di speciali visori. «Il MANN è sempre più digitale e accessibile grazie a questo progetto che affianca il restauro del mosaico. Grande cura scientifica, nuovi linguaggi e tecnologie, attenzione per l'inclusione, sono le linee guida di questi progetti, circa venti, che, partendo dalla copertura wi-fi del Museo nel 2017, portano oggi al MANN la realtà aumentata.

E altre sorprese ci attendono» ha detto Giulierini alla presentazione con Fabio De Felice fondatore di Protom. Ideazione, testi e coordinamento sono a cura dei Servizi Educativi del MANN, «Il MANN conferma la sua propensione all'innovazione, sperimentando linguaggi e tecnologie innovative, in grado di migliorare ulteriormente la propria accessibilità nei confronti dei diversi pubblici ai quali il Museo si rivolge», sottolinea Ludovico Solima (Università Vanvitelli) coordinatore scientifico di 'Museo accessibile'. Il primo video ci porta nella casa del Fauno di Pompei, il secondo descrive «Le tecniche del Mosaico» attraverso la produzione di modelli virtuali, il terzo ripercorre le tappe dal distacco del capolavoro da Pompei al suo arrivo al Museo nell'800.

I video sono sottotitolati, con attenzione al pubblico dei non udenti. Un quarto contenuto rappresenta la battaglia di Isso tra storia e leggenda: ricalcando le tessere, è stato realizzato un modello virtuale degli schieramenti, con centinaia di guerrieri. Conclusa la prima fase del restauro il Gran Mosaico è attualmente velinato e in sicurezza in vista delle successive azioni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA