Mann, al via la mostra «Sing Sing. Il corpo di Pompei» di Luigi Spina

Venerdì 21 Gennaio 2022
Mann, al via la mostra «Sing Sing. Il corpo di Pompei» di Luigi Spina

Dai reperti alla vita, duemila anni fa come oggi. Dal 21 gennaio al 30 giugno 2022 il Museo Archeologico Nazionale di Napoli presenta la mostra «Sing Sing. Il corpo di Pompei» di Luigi Spina. All’intero progetto fotografico è dedicato il volume omonimo pubblicato da 5 Continents Editions. Prevista per il 2020 e rinviata a causa dell'emergenza Coronavirus, l’esposizione raccoglie all’interno delle sale della Villa dei Papiri una selezione di cinquanta fotografie in bianco e nero che tracciano un itinerario di ricerca tra le celle dei depositi Sing Sing del museo, finora inaccessibili al pubblico, alla scoperta della vita quotidiana che animava le città vesuviane.

C’è tutto il campionario dell’esistenza, dai vasi alle anfore, piatti candelabri e ciotole, maniglie e specchietti, pezzi bruciati di pane antesignani delle nostre rosette e altri alimenti, lucerne e padelle, statuette ninnoli e decori. Tutto spezzato all’improvviso. Dopo il precedente viaggio fotografico di «Diario mitico», dedicato alla colossale bellezza dei capolavori della Collezione Farnese, Luigi Spina torna così al Mann con un nuovo progetto espositivo che svela l'aura dei depositi segreti del museo e ne raccoglie le emozioni che accompagnano il percorso di studio e di successiva valorizzazione, a cura della direzione e dello staff scientifico del museo.

Video

L'esposizione, infatti, prelude a una nuova politica di accessibilità pubblica dei depositi museali. «Serbatoio immenso per mostre internazionali, l'unico carcere dal quale è facile evadere e andare in giro per il mondo, i celebri depositi del sottotetto detti Sing Sing diventeranno presto una sezione del Museo, senza perdere il fascino di luogo magico amato dagli studiosi. Manca poco: già da tempo è iniziato lo storico riordino e molti materiali attualmente a Sing Sing troveranno spazio nelle rinnovate sezioni vesuviane a partire dalla Campania romana, la prossima estate, seguita dalla tecnologica romana e dalla numismatica.

Sing Sing sarà di tutti e avrà un nuovo volto grazie a una graficizzazione che ne guiderà il percorso di visita, l'esposizione degli oggetti sarà adeguata ai criteri antisismici studiati con il Dist dell'Università Federico II. Lo straordinario progetto fotografico di Luigi Spina, che ha generato una mostra in dialogo con i capolavori di Villa dei Papiri e uno splendido volume, è parte integrante di questo percorso epocale. È un pezzo di storia del museo che resterà», commenta il Direttore del Mann, Paolo Giulierini.

Il racconto fotografico «Sing Sing. Il corpo di Pompei» inizia dove il pubblico che affolla le sale delle collezioni del Museo Archeologico Nazionale di Napoli non può accedere, svelando l’inaspettato che si cela sotto i tetti dell’istituzione museale napoletana. Una porta in ferro funge da Colonne d’Ercole nel lavoro di Luigi Spina. Una volta aperta ci si affaccia su un corridoio lungo e stretto: gli occhi devono adattarsi alla luce. Ci troviamo in quello che da sempre viene chiamato Sing Sing: celle chiuse da grate che custodiscono memoria dei documenti di cultura materialeprovenienti da Pompei ed Ercolano.

L’obiettivo di Luigi Spina si sofferma sugli manufatti in bronzo, vetro, ceramica e terracotta che riempiono tali stanze richiamando alla mente la catastrofica eruzione del 79 d.C. che spezzò improvvisamente la quotidianità di quei luoghi. Le sue fotografie ci conducono a scoprire le celle e il loro contenuto. Sulle mensole si affastellano candelabri, decorazioni e maniglie, statue, vasellame, lucerne, fino a giungere a del pane carbonizzato. Racconta Luigi Spina: «Guardando il pane carbonizzato, intatto, ho immaginato il panettiere che lo fece quella notte: non ebbe più un giorno. Penso a quel pane che conserva intatto il desiderio della vita. Mi aggrappo al corpo di Pompei come se fosse il mio». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA