Mini festival delle arti a Barra: tra musica, teatro e fotografia

Venerdì 22 Ottobre 2021 di Giovanni Chianelli
Mini festival delle arti a Barra: tra musica, teatro e fotografia

Un mini festival delle arti, dal 21 al 28 ottobre. È la chiusura del progetto dell’I.C. “Madre Claudia Russo – Solimena” di Barra dal titolo “Ars Scholae, sed Vitae!”. Un progetto basato su musica, cinema e fotografia. Realizzato in collaborazione con le associazioni “Gioco Immagine e Parole”, “Cittadinanza attiva per la Barra”, “Nuvole di Ardesia”, la fondazione Pietà de’ Turchini, il Comune di Napoli e l’esperto culturale Alessio Ferrara, ha previsto l’attivazione di diversi percorsi che hanno avuto, come filo conduttore, l’arte nelle sue molteplici sfaccettature. Tra gli obiettivi raggiunti la trasformazione dell’auditorium in luogo d’incontro e confronto culturale, "dove la creatività dei cittadini trova spazio di espressione e le diverse generazioni possono incontrarsi" dicono i responsabili dell'iniziativa. 

Le attività dei vari moduli hanno spaziato tra laboratori di linguaggi espressivi, percorsi alla scoperta del patrimonio culturale del territorio (le ville vesuviane della VI Municipalità) e il concorso di fotografia rivolto agli studenti dal tema “2020: un nuovo sguardo sul mondo”.

In questi giorni il festival propone la mostra “Fotografi in erba” con l’esposizione degli scatti degli alunni, poi il Bus Theater, lo spettacolo “All’ombra di un grosso naso” della compagnia Il Teatro nel Baule, la rievocazione storica in costumi d’epoca a Palazzo Roomer, una rassegna di corti realizzati da giovani artisti, la proiezione dello spettacolo “Albino e Plautilla” di Talenti Vulcanici e il concerto “E’ succieso stammatina…” di “Alle volte… band”, con la partecipazione di Barbara Lombardi alla tammorra.

La rassegna si conclude il 28 con l’inaugurazione dell’auditorium dell’istituto, riqualificato, e la sua intitolazione ad un ex alunno della scuola prematuramente scomparso, anche alla presenza di delegazioni straniere presenti nell’ambito del progetto Erasmus Plus. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche