Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Complesso di Sant'Anna dei Longobardi, nuovo percorso museale con ologrammi

Martedì 5 Luglio 2022
Complesso di Sant'Anna dei Longobardi, nuovo percorso museale con ologrammi

Il Complesso di Sant’Anna dei Lombardi inaugura un nuovo percorso museale: «48 corpo svelato» è il progetto finanziato dalla Regione Campania, nell'ambito di Por Campania Fesr 2014 - 2020 - Obiettivo specifico 3.3 «Consolidamento, modernizzazione e diversificazione dei sistemi produttivi territoriali», che vede al centro l'approccio ludico e multimediale alla fruizione dei beni culturali, rendendo i giovani il pubblico ideale di riferimento.

Le nuove tecnologie vengono applicate ai beni culturali, in un'ottica attenta al loro utilizzo consapevole. L'integrazione tra il complesso di Sant’Anna e la realtà virtuale crea una sorta di «open space», luogo «intermedio» d'accesso alla storia e alla cultura, fruibile grazie a nuovi modi di percepire e osservare il patrimonio, nel rispetto della storicità del sito. «48 corpo svelato» è un tour fisico-virtuale disponibile dall’8 luglio che, partendo dell’esterno del Complesso, culmina all’interno dell'ipogeo, spazio recuperato di recente, dove si svolge l'esperienza di visita olografica. I visitatori vivono in prima persona l’esperienza, grazie agli Hololens by Microsoft, visori da indossare sul volto con visiera semitrasparente che permette di guardarel'ambiente circostante, al quale vengono aggiunti gli ologrammi.

I visitatori vengono accolti da una sorta di ologramma-guida con le sembianze di Bernardo Tanucci, celebre personaggio storico di recente ricondotto all’ambiente sotterraneo del Complesso. Questo spirito «fluttuante» accompagna il visitatoreattraverso un racconto audio e visivo alla ricerca delle sue spoglie mortali, con possibilità di interazione e una scelta che porterà a due finali differenti. Il presidente del comitato di gestione delle arciconfraternite commissariate, il Salvatore Fratellanza dichiara «Il nostro obiettivo è continuare a valorizzare il Complesso di Sant'Anna. Dopo l’esposizione delle opere di Jago, questo percorso prosegue con una novità tecnologica che riteniamo possa fare da volano per far conoscere sempre più un ‘gioiello d’arte’ come Sant’Anna e la sua sagrestia. Attualmente, il Comitato di Gestione è particolarmente impegnato nella promozione e valorizzazione degli oratori di città, che contengono opere d’arte tramandate dai nostri padri nei secoli. Il nostro obiettivo primario è aprire e rendere fruibili al territorio questi nostri monumenti, al servizio dei turisti e degli abitanti della nostra città».

Mario Sicignano, presidente della cooperativa sociale ParteNeapolis aggiunge «Cultura e nuove tecnologie, un binomio che sempre più viaggia di pari passo, che esalta ed integra talenti e professionalità diverse. La capacità creativa, soprattutto dei giovani, in una regione come la nostra e, ancor di più, in una città come Napoli, può rendere l’offerta turistico-culturale unica, proprio perché multiforme e variegata. Oggi il contesto in cui ci troviamo a operare, quando scontiamo ancora i postumi della crisi socio- economica scatenata dalla pandemia, ci consegna uno scenario ricco di speranze ed opportunità, ma anche carico di incognite e pericoli. Noi, senza indugi, ancora una volta abbiamo deciso di investire sul nostro territorio e la Regione Campania è stata al nostro fianco, sostenendoci e supportandoci con un prezioso contributo economico e la competenza tecnica e il valore umano e professionale dei suoi funzionari e dirigenti. Insieme si può. Per una cooperativa sociale come ParteNeapolis, che ha lanciato il suo guanto di sfida al mondo dell’impresa culturale nell’oramai lontano 2000, trovarsi oggi sulla rampa di lancio di questo nuovo percorso rappresenta una grossa opportunità: dare senso alla sua mission di impresa sociale, proponendo un’offerta di alta qualità che sappia abbinare le risorse culturali del territorio con l’utilizzo intelligente delle nuove tecnologie, che crei impatto sociale non lasciando nessuno indietro e che favorisca l’inserimento lavorativo dei giovani e delle persone in condizioni di disagio. Oggi prende vita il nostro progetto: 48 - corpo svelato! Veniteci a trovare a Sant’Anna dei Lombardi».

Ultimo aggiornamento: 11:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA