Napoli Museo Madre, anteprima stampa mostre a cura di ​Kathryn Weir

Napoli Museo Madre, anteprima stampa mostre a cura di Kathryn Weir
Mercoledì 22 Giugno 2022, 12:28
3 Minuti di Lettura

La presidente della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee Angela Tecce e la direttrice artistica del museo Madre  Angela Tecce annunciano l'anteprima stampa delle mostre Clément Cogitore - Ferdinandea e Bellezza e Terrore: luoghi di colonialismo e fascismo, a cura di Kathryn Weir, che si terrà giovedì 23 giugno alle ore 11.00.

Ferdinandea è un nuovo corpus di opere di Clément Cogitore, presentato in anteprima internazionale al museo Madre, in cui l'artista francese indaga, attraverso film in 16 mm, video, fotografie e documenti storici, sull'emergere e l'inabissarsi di un'isola vulcanica effimera apparsa nelle acque del Mediterraneo tra la Sicilia e la Tunisia nel 1831. Frutto di un'eruzione sottomarina, l'isola divenne rapidamente teatro di rivalità geopolitiche, prima di scomparire nuovamente dopo appena sei mesi dalla sua prima apparizione. Oggi, dormiente otto metri sotto le onde, Ferdinandea potrebbe in qualsiasi momento riemergere a seguito di un'ulteriore attività sismica. Cogitore orchestra un insieme di premonizioni, osservazioni, intuizioni metaforiche e finzioni per considerare ciò che questa storia può dirci sulla nostra situazione attuale e sul nostro possibile futuro. Mostra realizzata con fondi Poc (Programma operativo coplementare) 2021 Regione Campania.

Le opere di Clément Cogitore presentate in mostra sono state realizzate con il sostegno dell'Institut Français, della Fondazione Nuovi Mecenati, di Noirmontartproduction, Arter e Chantal Crousel Consulting. Bellezza e Terrore: luoghi di colonialismo e fascismo parte da Napoli degli anni intorno al 1940 per presentare opere d'arte basate sulla ricerca, che rispondono ad eventi, architetture e materiali d'archivio poco discussi. Sottolineando la concomitanza geografica e temporale fra storie raramente raccontate insieme, il progetto esplora - attraverso gli occhi di artisti contemporanei e pensatori critici - la storia e l'eredità contemporanea della violenza intrecciata del colonialismo e del fascismo, così come gli apparati filosofici, estetici e iconografici che sottendono entrambi

Un programma di seminari, workshop e performance amplia ulteriormente l'indagine critica del progetto espositivo. Bellezza e Terrore: luoghi di colonialismo e fascismo è realizzata con la collaborazione del Goethe-Institut di Napoli. Il public program della mostra è organizzato con la partecipazione del Laboratorio di ricerca Centre André Chastel (Sorbonne Université), Parigi; della Mostra d'Oltremare, Napoli; di The Recovery Plan, Firenze; e della Villa Romana, Firenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA