Napoli, al centro storico l'inaugurazione dell’opera dedicata a Victor Osimhen

Un omaggio alla vittoria del terzo Scudetto del Napoli, al calciatore e alla cultura africana

Nicholas Tolosa, locandina inaugurazione opera "Victor"
Nicholas Tolosa, locandina inaugurazione opera "Victor"
di Claudio De Rosa
Venerdì 17 Maggio 2024, 13:28
3 Minuti di Lettura

Sabato 25 maggio alle ore 12:00 verrà inaugurata l'opera permanente «Victor», realizzata dall'artista Nicholas Tolosa. L’opera verrà installata nel cuore del centro storico di Napoli, in via Domenico Cirillo 65, e sarà accompagnata da una targhetta con QR-code. L’evento a cura del critico d’arte Massimo Sgroi, che ha scritto anche il testo critico, si inserisce nel progetto di riqualificazione urbana «Viviacirillo», ideato da Felice Riccardi, proprietario dell’attività commerciale «Caffetteria Riccardi».

Il titolo dell’opera, «Victor», evoca il trionfo e la celebrazione, rendendo omaggio non solo all'atleta Victor Osimhen, ma anche alla ricca storia calcistica del Napoli e alla sua recente conquista del terzo tricolore.

Negli ultimi anni, dopo il grave infortunio allo zigomo, la maschera è diventata il simbolo del bomber nigeriano e della sua grinta in campo. Maschera che Osimhen puntualmente si strappa dal viso dopo aver fatto gol. Le tre strisce gialle dipinte sull’estremità superiore della maschera simboleggiano i tre Scudetti vinti dal Napoli. I tratti tribali mettono in connessione l’opera con la cultura africana. Lo sfondo è di un intenso azzurro, colore simbolo non solo della Napoli calcistica, ma universale.

«Victor» è più di un semplice oggetto d'arte; è un ponte tra diverse culture, una fusione di simboli e significati che riflettono sia l'anima partenopea che quella africana. Attraverso l'immagine di Osimhen, la maschera diventa un simbolo di identità condivisa, un rituale collettivo che unisce le persone indipendentemente da provenienza e background. Attraverso i suoi lavori, Tolosa rivaluta gli edifici della città trasformandoli musei a cielo aperto. Per Tolosa, l'opera è un mezzo per connettersi con la comunità e restituire alla gente un senso di appartenenza e identità. In un mondo dominato dall'immagine e dalla distanza tra l'artista e lo spettatore, «Victor» cerca di abbattere queste barriere, trasformando lo spazio pubblico in un luogo di condivisione e partecipazione attiva.

L’inaugurazione dell’opera sarà accompagnata da un evento musicale: la «Compagnia Fuerte», specializzata in canti popolari napoletani, si unirà per l’occasione alla Comunità Senegalese in una performance musicale, che celebrerà la condivisione attraverso la musica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA