Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il festival del cinema spagnolo torna a Foqus con grandi artisti e produttori

Lunedì 4 Luglio 2022
Il festival del cinema spagnolo torna a Foqus con grandi artisti e produttori

Le migliori opere del cinema spagnolo e latinoamericano, premiate nei principali festival europei e dal pubblico internazionale, saranno presentate a Foqus “fondazione quartieri spagnoli di Napoli” in occasione del festival del cinema spagnolo e latinoamericano, in calendario dal 22 al 29 luglio prossimi.  La manifestazione, giunta a Napoli alla quarta edizione, si svolgerà nella corte dell’arte dell’ex convento di Montecalvario, oggi al centro di un intenso progetto di rigenerazione urbana.

Tra i titoli di questa edizione, “Buñuel, un cineasta surrealista” di Javier Espada, già presentato con successo di critica e pubblico a Cannes. La proiezione si terrà il 27 luglio e sarà introdotta dal critico Goffredo Fofi, uno dei maggiori esperti del cinema di Buñuel. In programma anche “Hugo in Argentina”, il film di Stefano Knuchel sui ruggenti anni vissuti in Argentina da Hugo Pratt, creatore di corto Maltese. E ancora “Alcarràs” di Carla Simón, recente vincitrice dell’ “orso d’oro” a Berlino, e "El buen patrón" di Fernando León de Aranoa, trionfatore agli ultimi premi Goya con un magnifico Javier Bardem.

 

Madrina d’onore del festival è l’attrice Victoria Abril, musa di Pedro Almodóvar, che sarà ai quartieri spagnoli nelle serate inaugurali e riceverà un premio alla carriera, anche in relazione al film “Ternosecco”, che la vide protagonista del film diretto da Giancarlo Giannini, ambientato sul finire degli anni ottanta a Napoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA