Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La settimana dello scrittore a Torre Annunziata: la rassegna sull'identità e la libertà

Lunedì 4 Luglio 2022
La settimana dello scrittore a Torre Annunziata: la rassegna sull'identità e la libertà

Si è conclusa la prima edizione de “La settimana dello scrittore, ricordando Michele Prisco”, la kermesse culturale che si è svolta a Torre Annunziata dal 27 giugno al 02 luglio. Il gran finale si è svolto presso il lido Eldorado con la giornalista Giuliana Sgrena, che, sollecitata sul suo ultimo libro “Donne ingannate. Il velo come religione, identità e libertà”, ha raccontato la condizione delle donne afghane, non senza una riflessione sulla compromissione del diritto all’interruzione volontaria di gravidanza. Ospiti della giornata conclusiva anche Fulvio Benelli e Cristiano Barbarossa, autori di “Crimine Infinito”.

«Abbiamo ospitato - commenta Francesco Paolo Oreste, direttore artistico - autori noti e meno noti, con un’attenzione ai contenuti e agli input che potevano derivarne. Abbiamo lanciato un’estemporanea di pittura che ha coinvolto tanti ragazzi. Con Corrado Ferlaino abbiamo ripercorso il mito di Maradona e l’escalation di un grande Napoli per poi finire, la sera dopo, a cantare sulla spiaggia, con tanti cosplayer, le canzoni di Cristina D’Avena. Narrativa, impegno civile, teatro, pittura, pop culture, e soprattutto ospitalità, intrattenimento, convivialità. Abbiamo fatto nostro un format che Michele Prisco inventò in tempi e modi diversi, ma con gli stessi nostri obiettivi: movimentare Torre Annunziata, la provincia addormentata. Le persone ci hanno seguito, apprezzato e incalzato a progettare da subito la seconda edizione. Un bilancio positivo, portiamo a casa molte soddisfazioni e molte sollecitazioni».

Tanti anche i fuori programma, pensati per avvicinare la città agli ospiti e per alimentare il senso di ospitalità; per citarne qualcuno: la visita alla mostra “Arte e sensualità nelle case di Pompei” presso gli Scavi con lo scrittore Gianni Solla oppure la visita al museo dell’identità di Torre Annunziata con lo showman Amedeo Colella. «La libreria Libertà sta vivendo una seconda vita, una stagione nuova dopo la pandemia, proviamo a traghettarla verso il futuro. Futuro che si incrocia senz’altro con le sinergie nate in questa settimana. C’è un gruppo pronto a relazionarsi e ad apportare il proprio contributo per fare di Libertà un luogo di comunità, una fucina, un laboratorio di idee e di proposte culturali, mixando generi e settori» concludono Fabio Cannavale e Rosaria Vitulano dalla libreria.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA