Pomigliano, parte il Giorno del gioco: coinvolte tutte le scuole del territorio

Venerdì 13 Maggio 2022
Pomigliano, parte il Giorno del gioco: coinvolte tutte le scuole del territorio

Ripartire dai bambini per ritrovare l'aggregazione e la partecipazione. È l'intento dell'amministrazione comunale di Pomigliano d'Arco, guidata dal sindaco Gianluca Del Mastro, che oggi ha illustrato la prima edizione del “giorno del gioco”, in programma il prossimo 18 maggio. La manifestazione vedrà il coinvolgimento di tutte le scuole dell'infanzia, primarie e secondarie del territorio, alcune delle quali, per l'occasione, si trasformeranno in ludoteche così come le principali piazze e strade cittadine.

«Dopo questi due anni di pandemia che hanno privato in modo particolare i bambini della possibilità di incontrarsi e socializzare - ha sottolineato Del Mastro - non potevamo che ripartire proprio restituendo a loro la voglia di stare insieme con tanti eventi dedicati al gioco. Abbiamo voluto che il “Giorno del gioco” diventasse un'opportunità per potere, grandi e piccoli, riscoprire i valori dell'aggregazione e della partecipazione».

Video

Il tema della manifestazione sarà la riscoperta dei giochi di un tempo, e saranno decine le attività organizzate per l'occasione e che animeranno le strade del centro cittadino: dal teatro dei burattini della storica famiglia Ferraiolo, ai laboratori di lettura di «Mio nonno è Michelangelo», alle esibizioni di magia e arti circensi. Non mancherà la caccia al tesoro, il gioco dell'oca, la corsa nel sacco ed il tiro alla fune, in versione ambientale per insegnare il rispetto dell'ambiente e la corretta raccolta differenziata. Saranno disponibili anche giochi di legno fruibili da bambini e adulti, portati da un Ludobus, un furgone pieno di giochi, idee esperienze e professionalità ludiche, ed ai bambini sarà anche illustrata l'importanza delle api nell'ecosistema con la presenza di un'arnia ed una piccola famiglia di api.

«L'amministrazione comunale - ha spiegato Marianna Manna, consigliere comunale - ha fortemente voluto questa iniziativa inserendola nelle sue linee programmatiche di mandato. Appena terminate le restrizioni dovute al covid, ho personalmente seguito l'intera organizzazione con l'aiuto di un gruppo di esperti scelti tra i dipendenti comunali e con il supporto del coordinamento educativo indicato dalle scuole coinvolte. Il tema della prima edizione è “come giocavamo”, per recuperare giochi antichi e tradizioni, in una città in gran parte chiusa al traffico delle auto e recuperata dai bambini e dai ragazzi come luogo di appartenenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA