Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Procida, cultura ed ecologia accolgono i turisti alla mostra “Le orme sull'acqua”

Venerdì 5 Agosto 2022
Procida, cultura ed ecologia accolgono i turisti alla mostra “Le orme sull'acqua”

A Procida, capitale italiana della cultura, si rafforza il legame tra l'arte, la difesa dell'ambiente e la riscoperta delle radici del territorio. Un esempio viene dal successo di pubblico e di critica ottenuto dalla mostra di Gilda Pantuliano, alias Fluida, che dal 23 al 29 luglio, ha proposto, nella “galleria sinergia d'arte, una selezione dei suoi lavori, spaziando dalle tecniche più tradizionali a quelle digitali all'insegna di una cifra stilistica sempre originale e riconoscibile. La rassegna, a cura di Antonella Nigro, è stata inaugurata alla presenza del sindaco di Procida, Dino Ambrosino, e di Michele Buonomo di Legambiente.

Varie le tematiche che si intrecciano nella ricerca dell'artista salernitana, intrapresa nel 2013 proprio a Procida tra le reti del borgo dei pescatori di Marina di Corricella utilizzando scatti alle reti da pesca per creare collage fotografici digitali: il viaggio nel sé alla ricerca di emozioni sommerse, l'invito al recupero della tradizione come identità di un luogo e come memoria da tramandare, la bellezza e la fragilità della natura da difendere. Mare presente prepotentemente in ogni lavoro della serie Le orme sull'acqua nata con l'intento di denunciare il marine litter, la sovrapesca e la pesca fantasma, fenomeni nefasti per il suo ecosistema. E non è un caso che Procida, luogo in cui il mare, la pesca e le relative tradizioni costituiscono il genius loci, sia per l'artista fonte continua di ispirazione: nella mostra sono stati esposti anche I Quadrilli, opere inedite che riprendono una espressione tipica e misteriosa della cultura dell'isola, sospesa tra fede e profezia. Entrambe le proposte sono state apprezzate dal pubblico di residenti e turisti; a sottolinearne le suggestioni, durante il vernissage, anche le note del polistrumentista Carlo Contocalakis, che ha proposto in anteprima anche il brano Renaissance che uscirà a ottobre, con in copertina un'opera di Fluida. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA