Art performing festival, l'ottava edizione
da Procida a Sant'Angelo in Formis

Art performing festival, l'ottava edizione da Procida a Sant'Angelo in Formis
Sabato 1 Ottobre 2022, 14:04
3 Minuti di Lettura

Sabato 1 ottobre, alle ore 16,30, sarà inaugurata nella Stazione Marittima di Procida, la prima tappa della settima edizione della manifestazione artperformingfestival, ideata dal curatore Gianni Nappa ed organizzata e promossa dall’Associazione artperformingfestival, di cui Nappa è presidente, e dalla GlobalStrategies Srl, alla quale seguiranno le tappe di Napoli e di Sant’Angelo in Formis (Capua Ce).

Dopo la quinta edizione dedicata al clima , non solo ambientale, e la sesta, il cui focus erano le gravi condizioni in cui versava l'umanità dopo due anni in cui l'emergenza Coronavirus aveva causato una vera e propria “pandemia di violazioni dei diritti umani" (Antonio Guterres), nell’anno in cui Procida è Capitale della Cultura Italiana, il tema non poteva essere altro se non quello della «Cultura nel Mondo che verrà». Da sette anni artperformingfestival è infatti presente nel panorama internazionale come evento indipendente, come spazio di libera circolazione di idee e dei linguaggi d’arte, con la scelta di tematiche legate alla situazione globale culturale, sociale ed ambientale, proiettata verso il prossimo futuro, per una migliore comprensione del «Mondo che verrà», con l’auspicio che ci sia una maggiore attenzione delle istituzioni e della politica ai movimenti di sperimentazione del corpo, come le performance d’arte, ed ai linguaggi della video art.

L’azione politica dell’arte è tangibile nella storia contemporanea, e le sue immagini fungono da controinformazione, storicizzate fin dagli anni sessanta, nei quali si sperimenta e si radica l’uso degli strumenti in un mix tra informazione indipendente e sperimentazioni artistiche, che assumono valore in quanto condivisione e partecipazione attiva con la società. Privilegiati dalla natura indipendente del festival, in sette anni è stato costruito un evento che ha saputo intercettare le proposte contemporanee attente ai problemi sociali ed ambientali, stringendo collaborazioni con curatori ed artisti del circuito della performance d’Arte mondiale, e con le scelte del curatore Gianni Nappa, attento ai profili giovani ed emergenti dell’Arte visiva e concettuale, con particolare interesse ai processi in essere in Campania, con la volontà di rendere fruibile la cultura e l’arte a tutti i cittadini.

Da quando, nel 2017, è stata ideata e realizzata la Rassegna «Teresa Mangiacapra» di video arte, video ambiente, video performance, short film e documentari che trattano tematiche sociali ed ambientali, in tre regioni (Veneto, Campania, Puglia) sono state presentate oltre 100 opere video. Quest’anno, per la prima volta, è stato istituito il «Premio apf» (acronimo di artperformingfestival) per ognuna delle 4 categorie della Rassegna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA