Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Quarto, un'aula della scuola Gobetti-De Filippo per Vincenzo Aulitto

Sabato 25 Giugno 2022
Quarto, un'aula della scuola Gobetti-De Filippo per Vincenzo Aulitto

Dopo il successo della mostra intitolata «Germinazioni» di Vincenzo Aulitto alla Fondazione Valenzi curata da Simona Zamparelli e Olga Scotto di Vettimo ,patrocinata dal Comune di Pozzuoli, il 30 giugno in occasione del finissage alle ore 16, 30 sarà presentato un prezioso catalogo edito da Editori Paparo con immagini di Fabio Donato e testi di Antonio Damiano, Ettore Giampaolo Francesco Lucrezi, Nicola Magliulo, Riccardo Notte, Olga Scotto di Vettimo, Simona Zamparelli, e presentazione di Lucia Valenzi.

Parteciperanno al dibattito oltre tutti i critici, fotografi, filosofi professori ed amici che hanno dato una loro testimonianza scritta in ricordo di Aulitto anche Lucia Valenzi presidente della Fondazione Valenzi, Giuseppe Borrone, Pina Ercolese In memoria di tanta dedizione all’arte e all’insegnamento dell’artista nel corso di più di trent’anni sarà intitolata un’aula alla Scuola Statale Gobetti De Filippo a Quarto. La personale, si presenta come un «inno» all’unità di tutti i concetti primari della vita che ci circonda, con l’obiettivo di ricordare il suo impegno e la sua capacità di «sognare» dove tutto diventa possibile per poter trasportare il visitatore verso la realtà.

Una visione del quotidiano traslata come una finestra sul mondo dove le opere diventano veicolo emozionale con valore simbolico che inducono una sensibilità percettiva. Attraverso 28 lavori realizzati con tecniche miste, tutti fotografati da Fabio Donato nel catalogo, con i colori e materiali della natura, c’è la vita che si contempla non solo con la mente e la ricerca dell’artista puteolano, ma con la scienza, con la biologia e con tutti gli elementi della storia uomo/natura. «Le piante - scriveva l’artista - germogliano nel mio corpo ed il respiro di tutte le cose alita come un flauto nelle mie opere». Vedremo attraverso i lavori la biologia o la filosofia della natura? Arte della Natura o natura dell’Arte? In effetti non c’è una separazione netta tra gli argomenti.

Elementi e temi vengono affrontati in un continuo dialogo onirico e fantasioso. Semi, radici, foglie, piante dei Campi Flegrei, sabbia vulcanica, ossidiana, germogli di iris, petali di fiori, tufo, rosso di Pozzuoli rappresentano la nascita, lo sviluppo della natura, umana e vegetale. Sono tutte «Germinazioni», nome che Aulitto ha voluto dare alla mostra annunciando la scelta nella Giornata del Contemporaneo del 2020. Aulitto con lucida consapevolezza guarda il mondo con il proprio specchio parlando della vita e il continuo rimando a sé stessa.

Ultimo aggiornamento: 27 Giugno, 13:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA