Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sant'Agata sui due Golfi, a Massimiliano Gallo e Federico Vacalebre il Premio Di Giacomo 2022

Giovedì 18 Agosto 2022
Premio

Il Premio Salvatore Di Giacomo, organizzato dalla Pro Loco Due Golfi,  giunge quest’anno alla XXI edizione. La manifestazione, ideata dal presidente Donato Iaccarino, vuole ricordare il grande poeta napoletano, ospite fisso a Sant’Agata sui due golfi dal 1909 al 1930. Salvatore Di Giacomo visitò Sant’Agata nell’estate del 1909, insieme agli amici Roberto Bracco, che già si era stabilito a Sorrento, ed il compositore Francesco Cilea, già  direttore del Conservatorio di S. Pietro a Maiella.

Pranzarono all’’albergo Iaccarino e Di Giacomo fu ammaliato, oltre che dall’aria frizzantina di Sant’Agata anche dall’ospitalità e dalla cucina di Don Alfonso.

Don Salvatore, come lo appellavano con amabile rispetto i santagatesi, si intratteneva piacevolmente con i “paesani”, passeggiando per le stradine del borgo o seduto al caffè del bar Orlando. Dopo il matrimonio, avvenuto nel 1916, frequentò Sant’Agata anche in compagnia della moglie, Elisa Avagliano.

Una presenza pregnante del “villeggiante poeta”,  già famoso a quei tempi per i suoi versi, messi in musica da importanti musicisti, quali F.P. Tosti e M. P. Costa. Quindi molti i ricordi e gli aneddoti trasmessi dalle persone che ebbero la fortuna ed il piacere di conoscerlo ed apprezzarne la sua giovialità.

Quest’anno, la commissione del Premio composta dal Presidente della Pro Loco Due Golfi  Donato Iaccarino, da Francesco Pinto e dai giornalisti Antonino Siniscalchi e Peppe Iannicelli, con la collaborazione dell’avv, Nino Cuomo e Livia ed Alfonso Iaccarino,  hanno designato l’attore Massimiliano Gallo ed il giornalista Federico Vacalebre, meritori del riconoscimento.

Massimiliano Gallo, figlio del noto cantante napoletano Nunzio Gallo, sin da piccolo ha calcato le scene teatrali e set televisivi. Comincia a recitare con la compagnia di Carlo Croccolo e poi con Carlo Giuffrè. Continua la sua carriera in televisione partecipando a numerose fiction. Tra esse “I bastardi di Pizzofalcone” e “Imma Tatarani”. Nel cinema ha recitato in molti film, tra i quali, con Vincenzo Salemme, Rocco Papaleo ed altri. Ultimamente ha fatto parte del cast nel film “ E’ stata la mano di Dio” di Sorrentino. Massimiliano Gallo in questi giorni sta registrando, per la RAI, “Filumena Marturano” di Eduardo.

Federico Vacalebre, redattore e critico musicale de «Il Mattino». Biografo ufficiale di Renato Carosone e direttore artistico del Premio Carosone, a lui ha dedicato libri, documentari, mostre e radiodrammi. Ha lavorato per Rai, Mediaset e diverse emittenti radiofoniche e televisive libere. Ha scritto libri su Clash, Pino Daniele, Fabrizio De André e il fenomeno neomelodico. Federico Vacalebre è consulente dell’Archivio Sonoro della Canzone Napoletana sin dalla sua fondazione. Inoltre è stato coautore del soggetto e della sceneggiatura di Passione, film di John Turturro, sulla canzone napoletana.

Come di consueto il programma del Premio Di Giacomo è ricco e di notevole spessore culturale. Oltre alla cerimonia di premiazione, che avverrà il 29 agosto in Piazza Sant’Agata, si terrà il tradizionale Concerto lirico sinfonico, il 23 agosto. Quest’anno sarà un concerto speciale poiché verrà eseguito per la prima volta, quindi una prima mondiale, un brano musicato dal Maestro Franco Michele Napolitano su un testo di Salvatore Di Giacomo. Il brano, dal titolo “Avummaria” è tratto dal poemetto ‘O Munasterio, scritto da Salvatore Di Giacomo nel 1887. Molta attesa per questa prima esecuzione.

Non mancheranno i momenti letterari. L’11 agosto era stato programmato un incontro con lo scrittore Gigi Di Fiore, poi rinviato a causa del mal tempo. Il 25 incontro con Marco Perillo con “Breve storia del Napoli”, parteciperanno Antonello Perillo, vice direttore Nazionale del TGR ed il giornalista Antonino Siniscalchi.

Tre le passeggiate previste. Sabato 20 agosto “Il sentiero del Grand Tour”. Sabato 3 settembre “Intorno al Deserto” e domenica 4 “A spasso con Salvatore Di Giacomo”. Tutte le escursioni saranno guidate da soci della Proloco Due golfi e partiranno dai giardinetti del Largo Ludovico da Casoria, sede della Proloco.

Quindi la XXI edizione del Premio dedicato a “Don Salvatore”, anche questa volta presenta un calendario degno del nome dell’illustre ospite della ridente località del comune di Massa Lubrense.

Il Premio Salvatore Di Giacomo rappresenta ormai un fiore all’occhiello per Massa Lubrense e per tutta la Penisola Sorrentina. Complimenti alla Pro Loco Due Golfi, validamente supportata dall’Amministrazione Comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA