Storie di Napoli regala due targhe a piazza Quattro giornate: «Grazie alla conoscenza si può valorizzare il territorio»

Foto di Davide Scongliamiglio
Foto di Davide Scongliamiglio
Sabato 5 Novembre 2022, 19:45 - Ultimo agg. 21:44
3 Minuti di Lettura

Due targhe per promuovere la cultura campana. Questo il regalo che questa mattina i ragazzi di Storie di Napoli hanno fatto alla stazione dei carabinieri in piazza quattro giornate al Vomero. 

Le due lastre, una dedicata a Salvo D'Acquisto e una sulle quattro giornate di Napoli, si inseriscono nel progetto “Il vomero parla” iniziato nel novembre 2021 con un'inaugurazione alla Certosa di San Martino. 

All'evento sono intervenuti il vicesindaco di Napoli, Laura Lieto, e la presidente della V municipalità, Clementina Cozzolino, oltre ai ragazzi di storie di Napoli tra cui Laura d'Avossa, coordinatrice del progetto targhe Vomero: «Ringrazio vivamente il comandante della compagnia carabinieri di Napoli Vomero e il maggiore Luca Leccese per averci aiutato ad ottenere l'approvazione del progetto dal comando generale dell'arma dei carabinieri di Roma».

Le targhe presentano una doppia scritta in italiano e in inglese e la posisbilità di scaricare un audioguida con un Qrcode dedicato. «Speriamo che questo sia un processo in continua evoluzione e che vada a valorizzare il territorio campano. Queste targhe sono sì fatte per i turisti, ma più di tutto per i cittadini, perchè grazie alla conoscenza si può valorizzare il territorio»

«Era un atto doveroso», commenta Federico Quagliuolo fotografo e fondatore di Storie di Napoli, «abbiamo voluto onorare un eroe e le persone che hanno liberato la città di Napoli. La nostra intenzione è ridare la memoria dei luoghi alla città e dare un senso di empatia, di affezione dei cittadini verso le strede e i monumenti di Napoli. Quindi, attraverso queste targhe multimediali, vogliamo raccontare le storie di tutta la città e della Campania, per creare un cittadino più consapevole e affezionato alla città»

© RIPRODUZIONE RISERVATA