«Tam Tam Basket»: Al Jazeera
documenta Castel Volturno

Giovedì 3 Febbraio 2022 di Salvio Parisi
«Tam Tam Basket»: Al Jazeera documenta Castel Volturno

È in uscita tra un mese su Al Jazeera Documentary Channel un singolare e inedito racconto e docu-movie interamente girato con e sulla comunità di immigrati africani di stanza nella provincia di Caserta sul litorale domitio.

S’intitola “Tam Tam Basket The Dream Team” e narra la condizione sociale in quel territorio e le vicende dei residenti extracomunitari, culminando nell’omonimo progetto no profit iniziato nel 2016 da Massimo Antonelli, gloria del basket italiano e internazionale, per promuovere lo sport della pallacanestro e i diritti umani nella comunità di immigrati a Castel Volturno.

Una pellicola che con l’opportuno approccio psicologico sviscera temi difficili come quello del diritto al gioco e dell’inclusione sociale in maniera delicata e originale.

“Una fotografia sul luogo, il suo carattere multietnico e la sua unicità – dichiara il regista Mohamed Kenawi - un progetto visionario, ricco di utopia e di sogno: la storia avvincente di una squadra e i suoi coach che lottano contro difficoltà apparentemente insormontabili per poi vincere e andare avanti”.

Prodotta da Vision Foto TV in collaborazione con Domino Film per Al Jazeera Documentary Channel, la pellicola è appena stata presentata presso il cine-teatro Sant’Aniello di Castel Volturno: verrà trasmessa a marzo su Al Jazeera Documentary Channel e a seguire sugli altri canali del network sia TV che online, in lingua originale con sottotitoli in arabo e in inglese. Seguirà la pubblicazione sul canale Youtube Al Jazeera English accessibile a tutti.

“Tam Tam Basket è un film che parla di persone, di politica e di società, raccontando tutto questo attraverso lo sport. Progetti come questo meritano di essere conosciuti in tutto il mondo perché hanno il potere di ispirare e far sognare milioni di persone”, ha sottolineato Ahmed Mahfouz, direttore di Al Jazeera Documentary Channel.

Mentre coach Massimo Antonelli ha così concluso, salutando la platea: “ho estremamente apprezzato il lavoro del regista e la troupe che si sono mossi con discrezione senza stravolgere la nostra attività sportiva, riuscendo a cogliere spaccati di vita autentica. E ringrazio tutti coloro che ci sostengono con contributi economici e servizi professionali, che ogni giorno ci danno l’entusiasmo necessario a non smettere mai di lottare per i nostri sogni”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA