Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Oh, to Believe in Another World» al Teatro Grande di Pompei: la rassegna diretta da Roberto Andò

Sabato 25 Giugno 2022
«Oh, to Believe in Another World» al Teatro Grande di Pompei: la rassegna diretta da Roberto Andò

Secondo, imperdibile appuntamento con la grande scena internazionale alla rassegna estiva del Teatro di Napoli-Teatro Nazionale diretto da Roberto Andò, «Pompeii Theatrum Mundì», di mercoledì 29 e giovedì 30 giugno, alle 21 al Teatro Grande del Parco Archeologico di Pompei. Si tratta della recente opera filmica del 67enne artista di Johannesburg, Wiliam Kentridge dal titolo «Oh, to Believe in Another World», per la sinfonia N° 10 di Dmitrij Shostakovich, eseguita in scena dagli 80 musicisti della «Luzerner Sinfonieorchester» diretta dal maestro Michael Sanderling. Un progetto avviato e commissionato dalla «Luzerner Sinfonieorchester», reso possibile da un contributo della «Art Mentor Foundation Lucerna».

«Oh, to Believe in Another World» è stato commissionato dalla «Luzerner Sinfonieorchester» e la prima mondiale ha avuto luogo a Lucerna, in Svizzera, lo scorso 15 giugno 2022. Il 5 marzo 1953 morì il dittatore Stalin. Nell'estate e nell'autunno dello stesso anno, Shostakovich compose la sua decima sinfonia. Erano passati otto anni dalla nona, e quindi il ritorno al genere sinfonico fu una decisione importante. L'intensità emotiva di questa sinfonia era corrispondentemente grande: una resa dei conti con lo stalinismo nel suo insieme e, specialmente nel secondo movimento, un grottesco ritratto musicale del tiranno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA