Pompei, la palestra culturale: ultimo appuntamento con «Pompei per l’Ucraina»

Pompei, la palestra culturale: ultimo appuntamento con «Pompei per l’Ucraina»
Martedì 4 Ottobre 2022, 18:08
3 Minuti di Lettura

Il portico nord della palestra grande degli Scavi di Pompei ospiterà, a partire dalle ore 19:00 di venerdì 7 ottobre, l’ultimo appuntamento della “Palestra culturale”, rassegna di eventi programmata e finanziata dalla regione Campania nell'ambito di Campania by night, prodotta e promossa dalla Scabec, società regionale di valorizzazione dei beni culturali.

La chiusura del ciclo di eventi è affidata a "Pompei per l’Ucraina. Una lettera dal fronte", rassegna di opere filmiche e immagini in movimento di artisti contemporanei dall'Ucraina, originariamente commissionata e prodotta dal castello di Rivoli dopo l’invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022.

L’evento si svolge in collaborazione con il parco archeologico di Pompei, nell'ambito del progetto Pompeii commitment. Il programma è curato da Nikita Kadan, classe 1982 che vive e lavora a Kiev, con Giulia Colletti, curatrice dei progetti digitali e per il pubblico del Castello di Rivoli. L’evento avrà anche una programmazione digitale temporanea sui siti pompeiicommitment.org e pompeiisites.org.

Al termine dell’incontro sarà possibile effettuare una visita guidata alla mostra “Arte e sensualità nelle case di Pompei”, curata dal direttore Gabriel Zuchtriegel e dall'archeologa Maria Luisa Catoni, professoressa all'Imt alti studi Lucca, allestita all’interno del percorso della palestra grande.

L’ingresso all'evento e la visita alla mostra “Arte e sensualità nelle case di Pompei” sono gratuiti, fino ad esaurimento posti. Prenotazione consigliata su www.ticketone.it (costo prenotazione 1,50 €, effettuando l'acquisto di un biglietto gratuito).

Nikita Kadan lavora con la pittura, la grafica e l'installazione, spesso in collaborazione interdisciplinare con architetti, sociologi e attivisti per i diritti umani. È membro del gruppo artistico Revolutionary experimental space e membro fondatore di Hudrada (comitato artistico), collettivo curatoriale e attivista. Nikita Kadan ha rappresentato l'Ucraina alla Biennale di Venezia nel 2015.

Giulia Colletti, 28 anni, laureata in storia dell’arte a Venezia, ha lavorato per istituzioni come La Biennale, fondazione musei civici di Venezia e Centre for contemporary arts Glasgow. Nel 2015, come assistente curatoriale di Barnabás Bencsik, direttore del Ludwig múzeum Budapest, ha preso parte alla realizzazione della prima edizione di Off-Biennale. Colletti è responsabile dei programmi pubblici e della sfera digitale del castello di Rivoli museo d’arte contemporanea, dove attualmente coordina il luogo virtuale digital cosmos. Di recente è stata nominata membro del consiglio curatoriale della XIX Biennale dei giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA