Università Parthenope di Napoli, continuano le celebrazioni del centenario con la mostra collettiva tra arte e musica

Lunedì 4 Ottobre 2021
Università Parthenope di Napoli, continuano le celebrazioni del centenario con la mostra collettiva tra arte e musica

Proseguono le attività celebrative per il centenario dell’Università degli Studi di Napoli Parthenope.

Giovedì 7 ottobre alle ore 18,30 riaprirà a Villa Doria d’Angri la mostra “Parthenope, Lighea ed altre storie”, curata dalla galleria Fonti.

La mostra collettiva nasce dalla volontà di sottolineare l’impegno dell’Ateneo campano nella promozione e valorizzazione dello studio del mare. In mostra una selezione di sei artisti nazionali ed internazionali che proporranno un suggestivo viaggio attraverso il mare e la musica.

Video

Nelle splendide sale della villa neoclassica saranno esposte la scultura del rostro in argilla della sirena Lighea dell’artista torinese Renato Leotta, i quadri semi-astratti dell’artista romena Marieta Chirulescu con i suoi orizzonti, cieli e paesaggi marini, le gouaches dell’artista Christian Flamm che raffigurano strumenti musicali e personaggi danzanti sotto il flusso del movimento di un rito dionisiaco, una video installazione dell’artista angolano Kiluanji Kia Henda accompagnata da una serie di 75 fotogrammi e disegni a inchiostro cinese, i paesaggi realizzati dall’artista inglese Paul Thorel che combinano le tradizionali tecniche della fotografia con gli strumenti per il trattamento digitale delle immagini.

Sarà inoltre presente l’artista napoletana Giulia Piscitelli che presenterà la riproduzione digitale di due mappe nautiche – scelte tra le diverse presenti nel Fondo Borbonico dell’Università ed anch’esse esposte – con interventi in foglia d’oro applicata rappresentanti aureole.

LEGGI ANCHE Mattarella dottore, il presidente riceve la laurea ad honorem

In occasione della riapertura della mostra, si terrà il concerto del soprano Leona Peleskova, accompagnata al piano dal maestro Giuseppe Galiano. Il concerto, organizzato dall'associazione “Amici dello spettacolo del Teatro Diana”, spazierà nel repertorio dei più grandi musicisti del XVIII, XIX, XX secolo tra cui Charpentier, Dvořák, Puccini, Gershwin, Piazzolla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA