Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Campania apre le porte alla Giornata Nazionale dei locali storici d'Italia con 12 luoghi cult del territorio

Giovedì 22 Settembre 2022
La Campania apre le porte alla Giornata Nazionale dei locali storici d'Italia con 12 luoghi cult del territorio

Da Napoli a Salerno lungo un itinerario che ripercorre i luoghi testimoni della ristorazione e dell’ospitalità italiana. Sabato 1°ottobre, in occasione della Giornata Nazionale dei locali storici d’Italia promossa dall’omonima associazione, 12 storici locali della Campania apriranno le proprie porte al pubblico raccontando antiche usanze, tradizioni, ricette ma anche aneddoti e curiosità tra presente e passato.

Una giornata diffusa su tutto il territorio italiano con un calendario complessivo di 90 eventi dedicati agli alberghi, ristoranti, pasticcerie, confetterie e caffè cult del Belpaese. Il viaggio campano parte dalla città partenopea, dove al Grand Hotel Parker’s sarà possibile visitare le stanze un tempo occupate da Oscar Wilde e Robert Louis Stevenson.

Dalla scrittura al giornalismo con il Gran Caffè Gambrinus che porterà i visitatori alla scoperta degli ambienti dove venne fondato il quotidiano Il Mattino. Spazio anche alla cucina tradizionale napoletana con i menù degustazione proposti dal ristorante Antico Francisichiello da Peppino, i cui piatti avevano conquistato i palati di Mastroianni e Pavarotti, e dal ristorante Locanda del Cerriglio, la famosa taverna del porto dove nel 1609 Caravaggio venne assalito e sfregiato.

Per gli amanti del dolce appuntamento alla fabbrica del cioccolato Gay Odin (nella sua storica sede di Via Toledo) con gli assaggi del celebre cioccolatino Vesuvio mentre, per chi preferisce l’alchimia nel bicchiere, il Ristorante Umberto declina l’aperitivo nella sua originale versione «Umberto spritz». Tra gli appuntamenti non poteva mancare la visita del ristorante Pizzeria Mattozzi, fondatrice dell’Associazione verace pizza napoletana a tutela del piatto simbolo per eccellenza della cucina Made in Italy, e il tour del ristorante La Bersagliera, la cui location è stata oggetto di riprese di vari film, tra cui Viaggio in Italia di Rossellini. Percorsi vista mare a Sorrento con il Grand Hotel Excelsior Vittoria, dove Lucio Dalla scrisse la celebre Caruso, e l’hotel Imperial Tramontano, le cui stanze ospitarono gli scrittori Byron, Scott e Shelley. Sempre a Sorrento sarà poi possibile assaggiare una selezione di Rosoli fatti in casa del Ristorante ‘O Canonico 1898. Chiude il programma campano la Pasticceria Pansa Andrea di Amalfi, che da oltre due secoli tramanda la più verace tradizione dolciaria della zona, dalle zeppole di San Giuseppe ai casatielli dolci coi “diavolini” fino ai mustacciuoli e alle sfogliatelle.

I 200 Locali storici d’Italia sono tutelati e valorizzati da oltre 45 anni dall’omonima Associazione, devono avere almeno 70 anni di storia e devono conservare ambienti e arredi originali (o comunque che testimonino le origini del locale), ma anche presentare cimeli, ricordi e documentazione storica sugli avvenimenti e sulle frequentazioni illustri. La Giornata Nazionale dei Locali Storici d’Italia è organizzata grazie al sostegno dalle aziende storiche e socie sostenitrici Birra Forst, Lavazza, Acqua Minerale San Benedetto e Select.

© RIPRODUZIONE RISERVATA