Il Festival delle scale di Napoli tra concerti, trekking e panorami mozzafiato

Martedì 11 Dicembre 2018 di Benedetta Palmieri
Il Festival delle scale di Napoli tra concerti, trekking e panorami mozzafiato

Da un po’, anche grazie a chi si è fatto carico di attirare l’attenzione su di loro, le circa duecento scale di Napoli sono tema e luoghi più conosciuti. Restano forse, però, ancora una sua parte meno nota, considerata meno caratterizzante, nonostante lo sia invece un bel po’. Peraltro, è spesso scendendo dalla collina verso il mare che si riesce a approfittare di alcuni degli scorci più suggestivi dei nostri panorami. 

Ebbene, tra coloro che certamente si impegnano da alcuni anni a far conoscere e valorizzare questi percorsi, c’è il coordinamento “Recupero scale di Napoli” – il cui promotore è Carmine Maturo e che si avvale della collaborazione di diversi enti e associazioni attivi sul territorio.

Tra le iniziative che mette in atto, c’è da qualche edizione anche la rassegna “Tu scendi dalle scale” – che quest’anno si trasforma in “Festival delle scale di Napoli”, e aggiunge un programma parallelo tutto musicale. 

Dunque, la manifestazione, partita il passato fine settimana, andrà avanti sino a fine mese, dividendosi tra “Scale musicali” e “Scale reali”. Vediamole. 

Questo martedì 11, alle 18 ai gradoni di Chiaia, atmosfera dixieland, con“Papa Noel”: si esibiscono Dr. Jazz & Dirty Bucks Swing Band; mercoledì 12 (alle 12) ci si sposta invece a salita Pontecorvo (piazza Gesù e Maria), per una mattinata di musica classica: “The Original Wind Orchestra” vede la presenza dell’orchestra del liceo statale Margherita di Savoia diretta dal maestro Eduardo Ottaiano. Si prosegue giovedì 13 ai gradini di via Bausan, dove alle 19 sarà l’ora del jazz, con “The Swing Strings Trio” – Beatrice Valente, Carlo Lomanto, Ciro Iovine; infine, venerdì 14 alle 18, al pendio di Santa Barbara (a piazzetta Teodoro Monticelli), si chiude con il folk: “La zampogna incantata” con Luna Janara. 

E veniamo alla sezione “passeggiate, trekking, percorsi” delle scale reali: si riprende questo sabato 15, con “Le scale raccontano Napoli: dalla collina al mare”, che si svilupperà dal Petraio a piazza Plebiscito, tra panorami e dettagli storico-artistici (a cura di Gabriella Guida per la "Associazione napoletana beni culturali"; appuntamento a piazza Fuga davanti alla funicolare centrale; per informazioni e prenotazioni, il 335/8236123). Domenica 16 è invece fissato un doppio appuntamento: alle 10.15 ci si vede alla Porta piccola di Capodimonte per una passeggiata musicale che si incentrerà sulla scala Niccolini al tondo di Capodimonte (passeggiata curata da Maria Settembre per “Cittadinanzattiva Campania”, per la parte musicale il gruppo “Popolo Vascio”; informazioni e prenotazioni al 329/4310601); mentre alle 11 Carmine Maturo per “Gente Green” accompagnerà i partecipanti lungo la collina gentile, con “Scale di Santa Maria degli Angeli alle Croci e Paradisiello” (ci si vede a via Foria, angolo via Michele Tenore, e ci si prenota al 349/4597997). 

Ancora tanti sono gli itinerari, che si svolgeranno nei successivi fine settimana, con l’aggiunta della data del 26 dicembre – quando si andrà alla Pedamentina: appuntamento alle 11 a piazzale San Martino, per poi scendere sino alla scala di Montesanto. La passeggiata, intitolata “Come l’acqua che scorre: prosa fluida in Pedamentina”, è curata da “Lo sguardo che trasforma” in collaborazione con il “Wwf Napoli” (ci si informa e prenota al 391/4143578), e vede l’esibizione di Roberta Misticone, Guido Liotti e Giovanna Panza (voci), con Edo Puccini (chitarra); coreografie di Gabriella Siciliano, Serena Scorzoni e Marta Michetti; regia di Guido Liotti. 

Gli altri percorsi: il 22 alle 10.15, “La strada verso la Reggia. Dal ponte della Sanità allo scalone Niccolini” (Laura Piccolo e Nina Cuomo per “Locus Iste”, telefono 347/2374210); il 23 alle 10, “Sguardi sulla città: dalle scale del Vomero, paesaggi antichi e moderni” (Maria Teresa Dandolo, Anita Pavone e Tiziana Tirrito per “Legambiente Parco letterario Vesuvio”, chiamare il 338/8408138): si scende per la Pedamentina, mentre alle 12.45 si replica scendendo per il Petraio. 

Il 29 alle 10.30, “Verso il paradiso. Passeggiata alle falde della collina di Capodimonte” (a cura di Gabriella Guida per “Associazione napoletana beni culturali", telefono 335/8236123); ultimo giorno, doppio appuntamento – il 30 ci si vede alle 10 per due diversi itinerari: “L’Imbrecciata di Pontecorvo. Una nobile scala verso la Porta Reale” (guidata da Pamela Palomba per “Locus Iste”, chiamare il 347/2374210); e “Trekking a Capodimonte. Le scale raccontano” (guida Maria Settembre per l’associazione “Pro Loco Capodimonte e Terza Municipalità”, chiamare il 329/4310601). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA