Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Matera, dal Museo di Capodimonte arrivano 10 opere di artisti fiamminghi

Martedì 22 Febbraio 2022
opere fiamminghe

Dieci dipinti realizzati tra il XVII e il XIX secolo da artisti di scuola fiamminga e nordica sono in mostra dal 22 febbraio a Matera, al Museo nazionale, a Palazzo Lanfranchi, nell'ambito del progetto «100 opere tornano a casa», promosso dal ministero della cultura per promuovere i collegamenti tra i musei italiani e valorizzare il patrimonio culturale conservato nei depositi dei luoghi d'arte.

Le opere, provenienti dal Museo e real Bosco di Capodimonte di Napoli, sono dipinti ad olio su tela degli artisti Johann Basilius Grundmann - autore de «Il ciarlatano», «Il limatore di seghe», «La bottega del ciabattino», «Mercato», «La bottega del rigattiere», «La filatrice» - di Willem Schellinks - «Veduta dell'Ij ghiacciato» -, di Kees Terlouw - «Canale olandese» - e di Cornelis Springer, due dipinti su «Veduta d'Olanda». L'iniziativa è stata presentata in una conferenza stampa a cui hanno partecipato la direttrice del Museo nazionale di Matera, Annamaria Mauro, la responsabile dei depositi del Museo di Capodimonte, Maria Tamajo Contarini, la soprintendente all'Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata, Luigina Tomay, l'assessore comunale di Matera alla cultura, Tiziana D'Oppido, e il presidente della Provincia di Matera, Piero Marrese.

Video

Le opere fiamminghe sono state allestite negli spazi dedicati alla quadreria dei 17 dipinti della collezioni Camillo D'Errico esposti a Matera, in relazione all'interesse che la committenza lucana ha mostrato in passato verso gli artisti nord-europei. Il progetto prevede, inoltre, la realizzazione attraverso il canale Rai Doc di un documentario breve e una serie di 13 episodi in presa diretta, nei quali i direttori dei musei e gli esperti illustreranno agli spettatori la storia delle opere e le motivazioni di questi scambi di opere. Nel dicembre scorso il Museo nazionale di Matera aveva ricevuto, per lo stesso progetto, due opere di Salvator Rosa - «Paesaggio con figure» e «Giocatori di carte» - dalle Gallerie nazionali Barberini Corsini.

Ultimo aggiornamento: 14:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA