Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli Est, da Remida parte il progetto “CreAttiviamoci di bello”: il percorso di formazione per i giovani delle periferie

Martedì 17 Maggio 2022
Napoli Est, da Remida parte il progetto “CreAttiviamoci di bello”: il percorso di formazione per i giovani delle periferie

Al via a Napoli diversi percorsi di formazione che coinvolgono i giovani e, in particolare, i Neet della periferia Est. I laboratori - dall'orto al design, dalla sartoria fino alla musica e al teatro - sono destinati ai giovani in cerca di esperienze innovative e a coloro che non studiano né lavorano. Il progetto “CreAttiviamoci di bello”, che avrà il cuore pulsante nel Centro di riuso creativo dei materiali di scarto Remida Napoli a Ponticelli, è promosso dalla onlus progetto Continenti in collaborazione con l'azienda Wes Trade Ltd ed è cofinanziato dalla fondazione Terzo Pilastro Internazionale.

In particolare, “CreAttiviamoci di bello” si rivolge a venti ragazze e ragazzi dai 15 ai 35 anni della periferia orientale di Napoli e delle zone limitrofe. Attraverso il progetto i giovanissimi saranno coinvolti in una serie di attività e iniziative che si pongono molteplici obiettivi: innanzitutto re-inserire le giovani persone nel tessuto sociale cittadino, specie dopo i duri mesi di isolamento e restrizioni dovuti all'emergenza sanitaria. Inoltre, intende far emergere passioni, inclinazioni e competenze delle singole personalità grazie al supporto degli esperti che li seguiranno per diversi mesi.

Si vuole, quindi, facilitare l'inclusione sociale di giovani che vivono condizioni di fragilità, esclusione e rischio sociale rafforzando l’autostima e favorendo la consapevolezza delle proprie capacità e potenzialità. Si punta alle inespresse competenze dei beneficiari che agiranno in un contesto attento al non spreco di risorse materiali, immateriali e umane. Ulteriore obiettivo è contribuire alla crescita professionale dei giovani ai quali sarà garantito un servizio di ascolto e orientamento curato da un counselor professionista.

Video

Nel corso del progetto sarà utilizzata una modalità innovativa di apprendimento. I partecipanti, infatti, utilizzeranno anche una piattaforma di e-learning. L'interfaccia virtuale sarà utile per raccogliere appunti, condividere documenti e strumenti, creare animazioni e facilitare gli scambi tra i partecipanti. Essa accompagnerà l'esperienza pratica dei diversi laboratori educativi ospitati nel centro Remida Napoli che da anni recupera e promuove i materiali di scarto aziendali. La piattaforma online di formazione “We-learn” - che permetterà anche la collaborazione a distanza tra partecipanti e docenti - è stata sviluppata dalla società Wes Trade per scambiare in modo partecipativo i feedback dei beneficiari e i contenuti di educazione formale e informale. I giovani avranno a disposizione dei tablet in comodato d’uso e riceveranno una formazione specifica per l'utilizzo dei dispositivi digitali e dello spazio di e-learning.

“CreAttiviamoci di bello” opererà sul territorio della VI municipalità di Napoli che comprende i quartieri Barra, Ponticelli e San Giovanni a Teduccio, tra le periferie con il maggior numero di giovani e minori. Il territorio conosce un importante fenomeno di dispersione scolastica ed è caratterizzato da diverse problematiche sociali ed economiche legate alla povertà, alla disoccupazione, al facile contatto con la criminalità organizzata.

«Siamo molto entusiasti di cominciare questa esperienza insieme a progetto Continenti e West Trade, protagonisti per la prima volta in un progetto dedicato ai giovani sul territorio napoletano. Ringraziamo Terzo Pilastro per la fiducia che ha riposto in noi tutti», afferma Anna Marrone, referente del progetto e co-gestrice di Remida Napoli, che aggiunge: «Come sempre lavoreremo con i materiali di scarto per attivare processi educativi, relazionali, creativi e di sperimentazione nei laboratori con le ragazze e i ragazzi che parteciperanno. Ci auguriamo che questa esperienza possa portare nuove energie positive a Napoli Est!».

«Ancora una volta siamo orgogliosi di poter aiutare organizzazioni ad elevato contenuto sociale come Remida Napoli e progetto Continenti con la nostra piattaforma We-Learn» afferma Barbara Bracone, referente del progetto per conto di Wes Trade sottolineando che: «Wes Trade ritiene questa esperienza altamente formativa e un incentivo ad elaborare nuove idee e unirle con le nuove tecnologie a scopo sociale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA