Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

A Napoli la prima tappa del «Participation Tour» del nuovo film di Federico Moccia

Venerdì 23 Settembre 2022
A Napoli la prima tappa del «Participation Tour» del nuovo film di Federico Moccia

Il progetto «Partymovie», finanziato da Invitalia, ministero della Cultura e Commissione Europea (Cultura Crea), è destinato ai ragazzi fino ai 14 anni che potranno creare contenuti personalizzati e digitali basati sulla loro esperienza, attraverso l'app Partymovie, che si potrà scaricare e usare gratuitamente per partecipare alla ripresa di una scena corale.

A Napoli la prima tappa del «Participation Tour» di «Mamma qui comando io!», il nuovo film di Federico Moccia, che porterà, nei prossimi mesi, gruppi di studenti in luoghi di cultura italiani. Si parte dal museo archeologico nazionale di Napoli, martedì 27 e mercoledì 28 settembre. Tante le scuole coinvolte sul territorio, grazie alla partnership con la regione Campania e in particolare, con il supporto dell'assessore alla Scuola, alle Politiche sociali e alle Politiche giovanili, Lucia Fortini.

«Mamma qui comando io», film prodotto dalla Alexandra Cinematografica, ha per protagonisti Maurizio Mattioli, Daniela Virgilio, il piccolo Alessio Di Domenicantonio, Simone Montedoro e Corinne Clery. Spunto del racconto è l'insolita decisione di un giudice nel corso di una causa di separazione tra coniugi: al centro, seppure con i toni lievi della commedia, il valore focale della tutela di un figlio per superare incomprensioni e interessi contrapposti. Sullo sfondo, adulti sempre più connessi e allo stesso tempo distanti, presi da mille impegni quotidiani, divisi tra indipendenza e legami.

© RIPRODUZIONE RISERVATA