È il momento di Harry Potter: a Napoli divertimento per tutta la famiglia

Week end di grande divertimento a Napoli per tutta la famiglia.
di Irene Saggiomo

  • 1295
Anche questo fine settimana non è detto che si vedrà l’inizio dell’estate, ma le cose da fare per divertirsi sono tante e aiuteranno a distrarsi da questo strano meteo.
 
Si comincia venerdì pomeriggio con il primo di un ciclo di laboratori per bambini dai 6 agli 11 dedicati all’introspezione su cosa per loro rappresenti la famiglia. L’associazione Apodekomai – accogliere il reale, lavora a Napoli con lo scopo di promozione sociale e sostegno del benessere psicofisico di bambini, adolescenti ed adulti, e lo fa anche attraverso laboratori di gruppo come questo in programma per domani (alle ore 16 in via Cesario Console 3 Bis, alle spalle di via Toledo) dal titolo “La scatola dei desideri”. ; il laboratorio esperienziale di questo venerdì è basato sull’espressione libera e creativa dei propri bisogni e desideri, si svilupperà in tre fasi: presentazione e ascolto, durante la quale i bambini potranno esprimere liberamente quali sono i loro desideri e sogni riguardanti la sfera familiare; fase manuale, durante questa fase i bambini creeranno una scatola decorata avendo massima libertà di espressione; la terza fase consisterà nel riporre all’interno della scatola i tre desideri, o bisogni, inerenti la famiglia. L’incontro si concluderà con un momento di riflessione durante il quale ogni bambino, tenendo con sé la scatola creata, potrà prendere consapevolezza dei propri desideri e portarli in famiglia per una possibile condivisione. Quota di partecipazione euro 15, info e prenotazioni al numero 3928881539. 
 
Ritorna per la seconda edizione a Napoli il torneo Tremaghi+uno, due fine settimana consecutivi dedicati a una vera e propria gara tra le sei scuole di magia e stregoneria più importanti del mondo, che dovranno scontrarsi in giochi di ruolo, gare di incantesimi e, soprattutto, partecipare a una grande caccia al tesoro, che legherà il magico mondo di Harry Potter alla Napoli esoterica e storica; non mancherà il Ballo del Ceppo. Organizzata dalla libreria Io ci sto (piazza Fuga, Vomero), il torneo comincerà questo sabato alle 16 con partenza dalla libreria, sarà il Calice di Fuoco a dividere i partecipanti delle sei scuole di magia di Beauxbatons, Durmstrang, Castelobruxo, Ilvermorny, Uagadou e Mahoutokoro. Domenica mattina alle 10 si da il via alla caccia al tesoro: le sei squadre dovranno correre per la città alla ricerca di artefatti incantati e ingressi segreti al mondo magico, sfidandosi in una grandiosa caccia al tesoro. Il torneo riprenderà venerdì 7 giugno alle 19 con il Gran Ballo del Ceppo. La partecipazione al ballo è libera, ma per gli allievi delle scuole partecipanti è prevista una ulteriore prova, questi infatti si dovranno cimentare in una gara creativa per ideare e realizzare la divisa della propria scuola. Alla divisa più bella, quindi alla scuola vincitrice, andranno punti extra per crescere in classifica; ma non solo per le scuole in gara, chiunque potrà partecipare alla sfilata (con un contributo di 5 euro), e aggiudicarsi il premio di un soggiorno in un parco divertimenti. Alla fine della serata saranno annunciate le tre scuole che passeranno alla fase successiva. Sabato 8 giugno alle ore 17 un mega Trivial a tema Harry Potter: un tabellone gigante, con pedine viventi, sarà allestito in piazza Fuga. A questo punto la scuola vincitrice accederà all’ultimo step della gara, che si giocherà domenica con il Duello Finale: gli allievi della scuola vincente si sfideranno gli uni contro gli altri in una gara di incantesimi, il vincitore di quest’ultima prova a volare a Londra. C’è una quota di 30 per ogni partecipante, più 5 euro per chi vorrà partecipare alla sfilata. Il torneo non ha limite di età, ma i minori di anni 14 dovranno essere necessariamente accompagnati da un adulto (pagante). Al torneo Tre Maghi+uno è legato, un concorso letterario per racconti brevi, a tema magia. La proclamazione del vincitore del manoscritto avrà luogo a fine ottobre. Informazioni alla Libreria Io Ci Sto, Via Cimarosa 20/Piazza Fuga, Vomero, tel. 081 578 0421.
 
Sabato pomeriggio al locale Kestè (via San Giovanni Maggiore Pignatelli 27, Napoli), appuntamento dalle ore 18 con “l’aperitivo Green” e con lo “Swap Party”, un incontro in cui i partecipanti potranno scambiarsi qualsiasi cosa: abiti, scarpe, accessori, giocattoli, libri, per un vero e proprio baratto. E mentre i grandi si divertiranno a suon di drink e scambi, i piccoli avranno a loro disposizione colori, pitture, plastica modellabile, giochi e palloni. Durante la serata interverranno dei gruppi di ambientalisti che spiegheranno quanto il baratto può contribuire al risparmio energetico e parleranno di tematiche green legate alla natura. Ogni partecipante sarà libero di portare la propria mercanzia. Info al numero 0817810034.
 
In pochi conoscono le terme romane di via Terracina, che invece Napoli custodisce dalla prima metà del II secolo d.C.; sabato mattina potrebbe essere una buona occasione per scoprire questo pezzo di patrimonio archeologico nascosto nel recinto dell’università, nei pressi del cimitero di Fuorigrotta. L'impianto era articolato su più livelli, probabilmente alimentato dall'acquedotto del Serino; il piccolo complesso termale, sorto lungo la strada che collegava Neapolis a Puteoli, conserva tutto il sistema di alimentazione degli ambienti caldi, e sono ancora ben visibili gli apparati decorativi pavimentali, caratterizzati da piani a mosaico, che costituiscono il centro d’interesse e d’impegno dell’associazione che cura il sito. Il complesso sarà aperto questo sabato mattina con visite guidate gratuite ogni ora (10, 11 e mezzogiorno), a cura degli studenti dell'istituto "Pontano" di Napoli. L'ingresso al sito archeologico è su via Terracina di fronte al civico 429 (ad angolo con via Marconi, la strada della RAI). Informazioni e prenotazioni (non obbligatorie ma consigliate), telefonando al numero 3357272005, o scrivendo a prenotazioni@ganapoletano.it.
 
Domenica mattina, al museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa (via Pietrarsa, Napoli), “I colori delle Favole”. , questo è l’invito degli organizzatori.
 
Tanto attesa e finalmente arrivata l’ottava edizione del Napoli Bike Festival, un appuntamento di rilevanza nazionale dedicato alla promozione della cultura della bicicletta. Quest’anno il Festival si terrà il 2 giugno e sarà “La festa della Repubblica delle biciclette – con la tua bici puoi andare ovunque vuoi”. Con il claim “ovunque vuoi” si fa riferimento alla luna, perché il festival di quest’anno vuole onorare il cinquantenario del primo sbarco lunare. Una grande novità dell’edizione 2019 è la location: il Napoli Bike approda all’ex base Nato di Bagnoli, che sarà aperta per la prima volta alle bici e potrà essere visitata in ogni angolo segreto, compresi i famosi e misteriosi tunnel sotterranei. L’apertura del festival è affidata a all’evento inaugurativo “Pedaloper”: appuntamento alle 8.30 di domenica in Piazza Municipio, dove partirà una pedalata/sfilata collettiva di chiunque voglia partecipare, che seguirà un percorso turistico pianeggiante di 7 chilometri fino all’area Nato dove si aprirà il village del Napoli Bike Festival, con ingresso gratuito fino alle 8 di sera. Durante la giornata delle biciclette non mancheranno intrattenimenti, performance, concerti e spettacoli, ma anche spazio alla ai laboratori con le “macchine a pedali” (lavatrici, seghe, cose del genere), la mostra di Giulia Sanità sul viaggio spaziale di una bicicletta a Napoli, una mostra a cura del Comicon di Casimiro Teja. Ovviamente grande spazio sarà dato ai rivenditori di biciclette che offriranno prove di bici muscolari, a pedalata assistita, di tandem, monopattini, bici pieghevoli, cargo bike e tanto altro ancora. L’ingresso al village del Napoli Bike Festival è gratuito, programma completo su www.napolibikefestival.it Info: info@napolibikefestival.it 3382723767/3382127542.
 
Per i più piccini, Nati per Leggere Campania parteciperà al Napoli Bike Festival con le sue “Storie a due ruote”, a sostegno di un’idea di città accogliente che accorcia le distanze e avvicina le persone condividendo spazi, esperienze, narrazioni. Per la prima volta le volontarie e volontari accoglieranno grandi e piccini sul “prato delle storie” dell'area dell'ex base NATO di Bagnoli, in uno spazio riservato a Nati per Leggere, dove troveranno posto le storie a bassa voce.
Giovedì 30 Maggio 2019, 20:30 - Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 21:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP