Omovies Film Festival 2019: ecco i vincitori della 12a edizione

Domenica 15 Dicembre 2019
Proiettate 95 opere provenienti da tutto il mondo, sette giorni tra incontri e dibatitti, due gala tra apertura e premiazione, tutto tra la Fondazione Made in Cloister, la Scuola di Cinema di Napoli e il Rainbow Center. Cala il sipario sulla 12esima edizione dell’Omovies Film Festival 2019, diretto da Carlo Cremona, ed è tempo di bilanci: «La dodicesima edizione di Omovies è stato un successo in termine di partecipazione – così Cremona – siamo partiti coinvolgendo le scuole che hanno aderito con grande interesse ed entusiasmo, passando le proiezioni dei film alla presenza di registi e autori, fino al gala di premiazione che ha visto una sala strapiena, uno sull'altro come sardine, uomini e donne che hanno assistito a uno spettacolo sobrio elegante condotto con maestria da Priscilla queen of Mikonos».  
 
La serata finale ha visto la consegna dei premi - realizzati dall’artista e scultore Pasquale Manzo – ai vincitori della sezione fiction il corto “In Zona Cesarini” di Simona Cocozza, il mediometraggio “Time & Again” di Rachel Daxe il lungometraggio “15 Years” di Yuval Hadadi; tra i  documentari sono risultati i migliori il corto “Après le Silence” di Sonam Larcinin, medio “Non è amore questo” di Teresa Sala e il lungometraggio “Io sono Sofia” di Silvia Luzi. Riconoscimenti per la soap Rai “Un posto al Sole”, per la sceneggiatrice Maria Laura Annibali, per il regista Giuseppe Bucci alla quale è stata dedicata una retrospettiva. Menzione speciale al film “Union is strenght, maybe” di Fabio Leli.
 
Il Premio speciale i Ken “Vincenzo Ruggiero”, istituito nel 2017 in memoria del giovane ragazzo col sogno della recitazione, è andato a “L’inversione dei Poli” di Antonio Miorin. Novitàdi questa edizione la convenzione con la Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE) per la progettazione e lo sviluppo di Idee Cinematografiche Differenti, residenza artistica vincitrice del bando “Per Chi Crea” finanziato dalla SIAE e il Ministero per i beni e le attività culturali: vincitori Alessandro Rauccio con “Scarpette Rosse” e Marta Sappa con “Cuore non Duole”.
 
Tra gli ospiti di questa edizione gli attori Rosaria De Cicco, Vittoria Schisano, Cosimo Alberti, l’attrice e cantante Anna Capasso, e ancora Alessandro Cecchi Paone, Rajae Bezzas, Maurizio Vessa, Luca Trapanese, Rosalba Impronta, Davide de Blasio, Eleonora de Blasio Padroni. Madrina di questa edizione la sedia con la scritta “chest è a segg re gay” (tradotto in italiano è “questa è la sedia dei gay”) trovata da un professore in classe il giorno degli esami e su cui ha scelto di sedersi e svolgere il suo lavoro, nonostante il parere contrario di alcuni colleghi. In tanti durante il festival hanno deciso di immortalarsi a cavallo della sedia come gesto contro l’omofobia e verranno pubblicati sui social network di Omovies e sul sito www.omovies.it. © RIPRODUZIONE RISERVATA