«Open Source»: il Sud Tyrol sbarca a Miseno

Giovedì 24 Ottobre 2019 di Salvio Parisi
​«Open Source»: il Sud Tyrol sbarca a Miseno

Si chiamano «Open Source» e sono serate di convivio, cultura e territorio lungo lo Stivale, pensati e organizzati per quest’autunno da Roberto Laringe e Alfredo Gisonno, patròn di Cala Moresca & Caracol sù al Faro di Miseno.
Poche sere fa «A Sud del Sud Tyrol: ovvero Sud & Sud»: così lo chef Karl Baumgartner ha portato da Bolzano a Capo Miseno una ventata di Alto Adige dal sui risto-stellato “Schoneck” di Falzes Molini in Val Pusteria con una super brigata di ex assistenti oggi bravi chef del luogo: Christian Tasser, Luigi Comploy, Tobias Pardeller, Andrea Irsara.
 

 

Insieme ai due resident Vincenzo Di Giovanni e Angelo Carannante, hanno appassionato una bella compagnia di cultori d’alta cucina con argomenti assai convincenti, come: i christian speck, tritlan (frittelle), krapfen e strudel salati, formaggio e burro d’alpeggio o di malga, schlutzkrapfen (ravioli altoatesini), spätzle (gnocchetti) di grano saraceno e canederli, carni di capriolo e cervo selvaggi, il pino mugo, i morbidissimi buchteln e la linzer torte.

Preziosi abbinamenti enologici del maître sommelier Ciro Sannino: qui i Campi Flegrei con Asprinio d’Aversa (S. Martusciello) e Passito di Falanghina (La Sibilla) e qui l’Alto Adige con Dolomytos o Athos (Tenuta Ansitz Dolomytos Sacker) e Burgum Novum (Cantine Castelfeder).

Immancabile un po’ di poesia in voce, chitarra e mandolino, specie quando chef Karl ha intonato a tutta voce «’O sole mio»!

© RIPRODUZIONE RISERVATA