Nell'era digital tornano nel vecchio Borgo di Sirico 'o 'nciucio e 'a 'nciucessa

di Nello Fontanella

Un suggestivo, meraviglioso palcoscenico naturale fatto di vicoli, portoni e i bassi di quel che resta del vecchio Borgo di Sirico a Saviano allestiti con biancheria merlettata, arredi antichi, bambole e giocattoli del passato, abiti anni ’70. E qui che stasera e domani (domenica 15) l'associazione socio-culturale Rione Sirico Michela Polverino ripropone ancora una volta 'a sera ro' nciucio, giunta alla 14esima edizione.

Non una sagra, ma un intenso lavoro organizzativo e di ricerca per riscoprire e rappresentare le antiche atmosfere di vita paesana. Una passeggiata che si snoda attraverso la “strada a serpente”, vicoli, cortili e gli “antichi portoni" del borgo sapientemente trasformato in un suggestivo scenario pittoresco e fantasioso con luci, colori e ritmo, con spazi dedicati alla gastronomia, musica e divertimento di un passato «spensierato e non solo». Ma con un filo conduttore unico: ‘o ’nciucio, il pettegolo. La diceria che si fa e si trasmette ad un altro allo scopo di divulgare la cattiveria e maldicenza. Che qui a Sirico, nell'era dei social e del digital 4.0, nell'era di una società che chiede di correre e favorisce il tam tam tra le persone attraverso un displey e le chat, viene invece recitato e raccontato  dal vivo dalla 'nciucessa, la protagonista assoluta del chiacchiericcio paesano. Ma anche cantato e suonato, ballato al ritmo di tammorra  pizzica taranta.  E poi le antiche e succulenti pietanze locali. In ogni vicolo, portone, basso,  come in tempi antichi, si riassaporeranno i tradizionali piatti tipici locali e del buon vino, accompagnati da musica, balli e soprattutto ‘o ‘nciucio.

Quante cose dimenticate, tante preziosamente conservate, che rivivono con sorpresa di tanti perché  i siricani con  questa festa accolgono i visitatori e condividere con essi tutto ciò che di caro e raro hanno conservato.
 
Sabato 14 Settembre 2019, 15:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP