Zoom: uno nuovo spazio per design arte e moda nel cuore di Capri

di AnnaChiara Della Corte

ZOOM: un nome evocativo quello scelto per il nuovo spazio di Via le Botteghe 56, a Capri, dedicato alle nuove tendenze nel campo del design, dell’arte e della moda.

Un vero e proprio hub, un contenitore fisico e virtuale, più che un semplice store, che apre ufficialmente al pubblico questo sabato 7 settembre dalle ore 19, coinvolgendo designer e brand locali. Capri è il filo rosso che lega Sonia Pedrazzini , designer nota per aver dato materialità alle pitture di Morandi, Farella, il brand di riferimento per la maglieria e tessitura artigianale dell'isola, Francesco Della Femina, architetto e interior designer, che reinterpreta la purezza dello stile mediterraneo con un gusto moderno e raffinato, e Laboratorio Capri con la più recente collezione "Botanical", un'interpretazione della flora caprense, nata dalla collaborazione tra lo stilista Michele Esposito e l'artista Paola Tassetti.
 
 


Zoom favorirà le corrispondenze tra brand e designer, mettendo in relazione "Le Morandine" della Pedrazzini, elementi di arredo in ceramica che si ispirano alle opere di uno dei più grandi Maestri del Novecento italiano, con le creazioni di Farella , vere "opere" in maglia pensate ad hoc per l'evento. In un rimando di suggestioni, allo stesso modo, Della Femina , che vanta prestigiose collaborazioni con  marchi internazionali per progetti di architettura ed interior, proporrà elementi di arredo, enfatizzati dalla combinazione con i tessuti di Laboratorio Capri, altra eccellenza caprese della sartoria d'autore.

Zoom, situato sulla stradina dove un tempo sorgevano le prime botteghe artigiane dell'isola, vuole rispondere alle sfide che interessano  il mondo del retail, sperimentando esperienze di shopping alternative e coinvolgenti. Zoom come metafora di "focus" quindi, di sguardo ravvicinato su trend e temi attuali, su brand e designer che possono da oggi esprimersi in questo "lab" caprese con strumenti come il pop-up shop, mostre, sfilate, performance.
"Creatività, sostenibilità e innovazione sono i principi cardine di ZOOM", afferma Sara Aprea, fondatrice e art director di ZOOM: "Crediamo che il mondo del retail possa avere un ruolo fondamentale nel diffondere una cultura del design lungimirante, attenta al sociale, rispettosa dell’ambiente e delle diversità e aperta al dialogo multiculturale."

Proprio per questo, uno dei primi progetti è stato quello di creare un'area verde a metà fra  spazio conviviale e luogo performativo, una sorta di "social garden" in cui confrontarsi con sensibilità alle problematiche ambientali. Nel terrazzo, che costituisce l'ultima delle quattro stanze disponiibli, sorge infatti un giardino verticale, "Ipot", disegnato dallo studio di Milano "Supercake" con cui ZOOM ha creato una prima partnership sul filone del design sostenibile.
 
Giovedì 5 Settembre 2019, 21:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP