Al via la “Primavera” della Nuova Orchestra Scarlatti con il flautista Kuijken

di Mariagiovanna Capone

Sboccia la “Primavera” della Nuova Orchestra Scarlatti, che nel primo appuntamento accoglie un gigante della musica barocca: il flautista Barthold Kuijken. L’appuntamento è per venerdì 20 aprile (ore 19.30) nella Chiesa dei SS. Marcellino e Festo (nell’omonimo complesso monumentale). Il concerto sarà preceduto alle 17 da un incontro sempre a San Marcellino con Kuijken rivolto a giovani musicisti, studenti e docenti dell’Università Federico II, ma anche aperto a tutto il pubblico del concerto. Sarà anche l’occasione per parlare del libro del musicista “La notazione non è la musica, Riflessioni sulla pratica e sull’esecuzione della musica antica”, edito in italiano dalla VigorMusic, guida preziosa all’interpretazione di un testo musicale.

Membro di ensemble del calibro del Collegium Aureum e della Petite bande, prestigioso concertista con un repertorio spaziante dal ‘600 a Debussy, Barthold Kuijken si è affermato a livello mondiale come uno dei massimi riferimenti per la musica destinata al flauto barocco ‘traversiere’, non solo come interprete, ma anche come studioso e didatta (è stato docente di flauto traversiere nei Conservatori Reali di Bruxelles e dell’Aja).

Per il concerto del 20 aprile a San Marcellino, Kuijken propone un prezioso programma dal titolo “Bach & Co.”: Fantasie e Sonate, Duetti e Suite, pagine fra le più fascinose del repertorio per flauto barocco, di Johann Sebastian Bach, dei suoi geniali rampolli Carl Philipp Emmanuel e Wilhelm Friedemann Bach, nonché di due grandi contemporanei di Bach, l’amico Georg Philipp Telemann e il celebre liutista Silvius Leopold Weiss. Accanto a Kuijken, per i duetti, Fiorella Andriani, componente dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, e Ugo Piovano, specialista in musica antica e musicologo.
 
Martedì 17 Aprile 2018, 16:54 - Ultimo aggiornamento: 17-04-2018 16:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP