«La musica non vive di tormentoni». Alvaro Soler sabato a Napoli presenta il nuovo album

Alvaro Soler sabato a Napoli
di Andrea Spinelli

L'estate sta finendo (e un anno se ne va), ma non senza aver messo in memoria sulla sua playlist un tormentone di Alvaro Soler. Ad Ischia come a Taormina, «La cintura» l'abbiamo ballata un po' tutti e il ventisettenne cantante spagnolo residente a Berlino è tornato con il nuovo album «Mar de colores» accollandosi l'impegno tutt'altro che trascurabile di dare un seguito al successo del predecessore «Eterno agosto», rimasto in classifica qui da noi per 53 settimane di filato grazie a singoli come «El mismo sol», «Sofia» e «Libre» che gli sono valsi la bellezza di 14 dischi di platino.

Anche se con un po' meno eco, «La cintura» quanto a numeri non s'è mostrata inferiore ai predecessori incassando due dischi di platino, 133 milioni di stream su Spotify e 118 milioni di visualizzazioni su YouTube. Un bel successo per Alvaro, nell'attesa d'incontrare i fans napoletani il 15 settembre, sabato, alla Feltrinelli Express di Piazza Garibaldi, prima tappa di un minitour promozionale che il 16 lo porterà a Milano e il 17 a Roma, e di tornare in concerto in Italia il 9 maggio 2019 al Forum di Assago.
«Con questo disco volevo trasmettere la parte più felice del mio carattere, perché di tristezza e di problemi in giro ce n'è già abbastanza; soprattutto in questo momento», spiega lui.

I colori del titolo sono quelli di una tavolozza sentimentale di 12 canzoni, più una versione di «La cintura» con Flo Rida e Tini (l'argentina Martina Stoessel, eroina della serie tv «Violetta») con cui però il cantante iberico dipinge affreschi senza una tinta dominante. «Contiene, infatti, canzoni molto diverse tra loro, che rispondono tutte alla mia idea estetica» conferma lui: «Non c'è un colore ricorrente, ma piuttosto un mix di emozioni diverse. Mi piace che le tinte siano tante, perché anche in natura i colori primari sono tre, ma combinazioni e sfumature praticamente infinite. Nella mia produzione c'è stata un'evoluzione naturale: il primo album era un esperimento, con quello abbiamo messo le fondamenta di un'estetica, con questo costruiamo la casa».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 10 Settembre 2018, 09:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP